Vertice del G8 attacca i paradisi fiscali

g8 copyVertice del G8 attacca i paradisi fiscali

Il vertice dei capi di Stato e di Governo (G8) tenutosi lunedì e martedì scorso a Lough Erne, Irlanda del Nord, è stato preceduto da dichiarazioni di guerra di alcuni dei suoi protagonisti, come il primo ministro britannico David Cameron, che ha detto che "l’ambizione del vertice del G8 è la rottura del muro del segreto bancario con misure concrete", o la più drastica proclamazione del Presidente francese François Hollande: "i paradisi fiscali devono essere sradicati dall’Europa e dal mondo".
La fiscalità, insieme alla trasparenza e al commercio, è stata tra le tre priorità dell'agenda del vertice G8 elaborata da Londra, che quest'anno presiede il gruppo delle grandi potenze: Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Canada, Gran Bretagna, Italia e Russia.
Prima del vertice del G8 si sono verificati alcuni eventi, tra cui le rivelazioni di Offshore Leaks Database, che ha mostrato come funzionano alcuni paradisi fiscali. Ora, le persone e le società apparse su Database Leaks Offshore sono coinvolti nella frode o nell'evasione fiscale?
Ciò non è mai statodetto. Ci sono legittime ragioni per utilizzare società e banche offshore e trust (quest'ultimi sempre che siano dichiarati). Il Consorzio Internazionale dei Giornalisti di Indagine (ICIJ, l'acronimo in inglese), istituzione portavoce dell'offensiva contro i paradisi fiscali e le banche offshore, ha chiarito di non avere voluto suggerire o sottintendere che le persone e le società incluse nel database hanno violato la legge o hanno agito in modo non corretto.
Infine, qualcosa che merita di essere sottolineato: l’Offshore Leaks Database non pretende di essere un mero sversatoio di tutto ciò che è trapelato a ICIJ. Ha rappresentato una ricca raccolta di informazioni societarie, ma la ICIJ non renderà noti i dati personali su vasta scala, anche se, ha precisato che continuerà a vagliare le informazioni con i mass-media associati per continuare a pubblicare storie sul mondo dell’economia dei paradisi fiscali e delle banche offshore.

S
U
P
P
O
R
T
O