L'asinocrazia del Fisco

https://www.paradisifiscali.org/images/stories/asinocrazia.jpgdi Giovanni Caporaso

In spagnolo, la parola “burocrazia” la cui etimologia ibrida viene, dal francese bureau ("ufficio") e dal greco krátos ("potere"), viene spesso modificata, per scherno, in “burrocracia” che tradotto in italiano sarebbe asinocrazia. E di questo si tratta, il potere degli asini! Un potere che però,   tutti noi, paghiamo ben caro. L’apparato burocratico del fisco costa infatti 18,3 miliardi all'anno ai contribuenti italiani titolari di partita iva.

Secondo uno studio condotto da KRLS Network of Business Ethics,  gli artigiani, i liberi professionisti e le PMI a causa della burocrazia fiscale italiana, pagano una "tassa occulta" di 4.945 euro l'anno. Per ottenere questo risultato, gli esperti della KRLS hanno preso in considerazione i costi per la compilazione della dichiarazione dei redditi, dell’IVA e dei sostituti d'imposta, degli studi di settore, del redditometro, del costo ora per portare a termine le pratiche fiscali, del costo per l'acquisto dei software fiscali, della tenuta della contabilità, della trasmissione telematica dei formulari, della gestione dei crediti fiscali e degli avvisi bonari, delle istanze in autotutela, del contenzioso tributario, degli adempimenti per la privacy e per l'antiriciclaggio e della formazione del personale dello Stato per gli adempimenti fiscali.
La burocrazia fiscale costa cara ai contribuenti italiani, specialmente se messa a confronto con quella europea. L'indagine evidenzia che i detentori di Partita Iva in Italia hanno pagato una "tassa",  di 4.945 euro all'anno, contro i 1.320 euro dei francesi, i 1.290 euro dei britannici, i 1.210 euro dei tedeschi, i 1.180 euro degli spagnoli, i 1.080 euro degli olandesi ed i 850 euro degli svedesi. Nel 2010 sono previsti aumenti del 4%, rispetto al 2009, a causa di ulteriori nuovi adempimenti fiscali.
Questa "tassa occulta" incide sulle aziende in maniera inversamente proporzionale alla grandezza. Per le micro imprese, con meno di 5 dipendenti, costa mediamente l'8,5% del fatturato; per le piccole imprese, con meno di 50 dipendenti, il 7,4%; mentre per le medie imprese, con meno di 250 addetti, il 6,8%.
Il numero degli adempimenti fiscali per dipendente è altresì impressionante: 9,3 adempimenti per dipendente per le micro imprese, 5,2 per le piccole imprese e 2,4 adempimenti per le medie imprese. In media, vengono perse dalle 74 alle 94 ore o dalle 9 alle 12 giornate lavorative, per ciascun dipendente, solo per gli adempimenti asinocratici!

S
U
P
P
O
R
T
O