Il FMI si oppone piani fiscali in Lettonia

FMIIl FMI si oppone piani fiscali in Lettonia

L'iniziativa della Lettonia di tagliare le tasse non è stata ben vista dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) che ha avvertito i rischi dell'attuazione di questa misura, allo stesso tempo ha espresso il suo sostegno alla revisione del limite fiscale nella nazione europea, un piano che cerca di ridurre la disuguaglianza.
Durante una visita dei funzionari del FMI in Lettonia, questi hanno dichiarato che l'economia della nazione è rimasta "forte"; ma l'idea di tagliare le imposte sul reddito - in Lettonia attualmente al 15% - dovrebbe essere riconsiderata, per mantenersi in linea con la "legge di disciplina fiscale" recentemente approvata.
Tuttavia, la delegazione del FMI ha ritenuto "opportuno" il piano del governo di mettere limiti impositivi più generosi e differenziati e, inoltre, ha espresso l'auspicio che le misure in questa zona fossero supportate da uno studio della Banca Mondiale, previsto per inizio giugno.
Il FMI ha detto che la Lettonia aveva raggiunto i suoi obiettivi di medio termine, nell'ambito del patto di stabilità e crescita, di un deficit strutturale dello 0,5% del PIL. Secondo l'organizzazione, l’economia della Lettonia dovrebbe crescere di circa il 4% nel 2013 e l'inflazione rimanere bassa. Il FMI ha richiesto di mantenere un "monitoraggio continuo" sui depositi dei non-residenti, anche se le recenti misure contribuiranno a contenere il rischio che ciò comporta.
Inoltre, il FMI ha espresso preoccupazione per l'alto tasso di disoccupazione in Lettonia e ha chiesto nuovi piani strutturali per migliorare la forza lavoro e l'ambiente degli affari. Infine, il Fondo Monetario Internazionale ha annunciato che chiuderà questa estate l'ufficio di rappresentanza a Riga, aperto a metà del 2009 nell'ambito del piano di assistenza fornito alla Repubblica del Baltico, perché questa ha restituito anticipatamente gli aiuti ricevuti.
Secondo il FMI, la Lettonia ha raggiunto la "stabilità macroeconomica" e il suo recupero va attualmente nella giusta direzione, nonostante le sfide che ancora restano, tra cui l'alto tasso di disoccupazione e le riforme a livello microeconomico.
Il FMI continuerà a lavorare bilateralmente con la Lettonia, anche se questi contatti verranno sviluppati attraverso il quartier generale del FMI e l'ufficio regionale residente di rappresentazione del FMI per l'Europa Centrale e Orientale che si trova in Polonia.

S
U
P
P
O
R
T
O