Concessa la cittadinanza russa a Gérard Depardieu.

depardieu ciudadania copyConcessa la cittadinanza russa a Gérard Depardieu

Il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, ha avuto un incontro con l'attore Gérard Depardieu, cui il 3 gennaio è stata concessa la cittadinanza russa, come ha riferito il Canale Uno della Federazione Russa.
"Il Presidente Vladimir Putin ha avuto una breve riunione con Gérard Depardieu, in visita personale in Russia", aveva annunciato il Cremlino con una dichiarazione sul suo sito ufficiale. Dmitri Peskov, portavoce del Presidente, ha anche riferito che stato consegnato all'attore il suo nuovo passaporto russo. Ha precisato che Putin e Depardieu hanno anche discusso di un futuro film su Grigori Rasputín, interpretato dall’attore francese, ora cittadino russo.
Le immagini trasmesse dalla televisione russa mostrano i due abbracciandosi durante un incontro a Sochi, località balneare che ospiterà le Olimpiadi del 2014.
Depardieu, che aveva espresso il suo desiderio di rinunciare al passaporto francese a causa della decisione da parte del governo gallico di alzare al 75% le tasse sui più ricchi, è arrivato a Mosca per incontrare Putin, per il quale in precedenza aveva espresso la sua ammirazione, così come per ottenere il suo nuovo passaporto. Vale la pena sapere che in Russia i cittadini pagano solo una tassa del 13%, invece le tasse in Francia sono sempre più alte, soprattutto per persone ricche come il famoso attore.
Il Presidente della Federazione Russa ha firmato il decreto di concessione del passaporto e la cittadinanza russa, ai sensi dell'articolo 89 della Costituzione della Federazione Russa, a Gérard Depardieu, nato in Francia nel 1948 e che ha dato vita a personaggi indimenticabili come Obelix, Cyrano de Bergerac o Martin Guerre.
Secondo il sito digitale Elmundo.es, Vladimir Putin aveva già virtualmente garantito nel dicembre scorso, durante una conferenza stampa, la concessione della cittadinanza russa a Gérard Depardieu se l'artista avesse deciso di rinunciare definitivamente a quella francese. Nell'incontro con i media, Putin ha promesso il rilascio di un passaporto russo all’artista, anche se ha sottolineato che "Depardieu si considera francese".
L'attore, 64 anni, ha annunciato, un paio di settimane fa, che trasferirà la sua residenza fiscale nella città belga di Nechin, ad appena un chilometro dalla frontiera francese. La sua decisione fu bollata come "sgradevole" dal primo ministro francese Jean-Marc Ayrault, e l’indignato Depardieu ha reagito annunciando la sua volontà di rinunciare alla nazionalità francese come prostesta formale contro il continuo aumento delle tasse in Francia.
L'attore ha assicurato pochi giorni fa che non riconsidererà la sua decisione una volta che il Consiglio Costituzionale francese ha respinto il provvedimento annunciato dal socialista François Hollande, durante la sua campagna elettorale per le elezioni presidenziali.
D'altra parte, è già cosa molto comune e frequente che personalità di diversi settori e imprenditori in generale, prendano la decisione di adottare una seconda cittadinanza e un secondo passaporto legale. In questo senso, lo studio legale Caporaso & Partners di Panama (www.paradisifiscali.org) offre questo servizio, supportato dalla pluriennale esperienza in questioni giuridiche.

S
U
P
P
O
R
T
O