Turismo in Colombia attrae gli Stati Uniti

turismo in colombiaTurismo in Colombia attrae gli Stati Uniti

Circa 150 grossisti, tour operator, compagnie aeree, DMC e agenzie di promozione del settore del turismo in Colombia e degli Stati Uniti, si sono incontrati a New York al Proexport Colombia. Un apposito spazio per approfondire il rapporto di amicizia e l'opportunità di business del turismo tra i due paesi.
Sono stati centinaia di migliaia i newyorkesi che si sono recati in Colombia nello scorso anno, scegliendo come meta favorita Bogotá, con il 50,4% ,seguita da Medellin 14,2% e Cartagena de Indias con il 10,8%.
Tuttavia, con l'entrata in vigore dell'accordo di libero scambio con gli Stati Uniti si prevede un aumento del flusso di viaggiatori d'affari, in particolare volto a eventi del settore del turismo.
Gabriel Procaccino, specialista di “Lifestyle Travel”, ha detto che l'accordo di libero scambio è un valore aggiunto per la Colombia, come la sua stessa vicinanza con New York; infatti tra il 2010 e il 2011, il turismo in Colombia è aumentato del 39,5% , secondo il Ministero del Commercio dell'Industria e del Turismo in Colombia e questo scenario prevede un trend promettente per la crescita dell'industria del turismo.
Gli Stati Uniti dalla loro parte, hanno un mercato molto attraente per il turismo, in particolare per gli eventi: infatti su 66,5 milioni di passeggeri, 1,4 milioni appartengono al segmento degli eventi turistici. Questo paese è anche il quinto creatore di eventi turistici nel mondo e il seconda nelle Americhe.
Nell'ambito della sua strategia, Proexport prevede la promozione del segmento turistico in 11 mercati, caratterizzati da una popolazione di grandi dimensioni con un alta percentuale di scolarizzazione, alto reddito pro capite e tassi di disoccupazione bassi; California, Texas, New York, Florida, Illinois, Pennsylvania, New Jersey, Virginia, Massachusetts, Maryland e Washington DC.
Un altro pubblico di grande importanza, sono i 270 investitori statunitensi che si sono trasferiti in Colombia e che possono scegliere il questo paese come sede di congressi, conferenze e viaggi incentivo.
A questo proposito, le statistiche di “Euromonitor International” indicano che i viaggiatori degli Stati Uniti spendono in media 1.294 dollari durante il loro soggiorno all'estero e 1.311 dollari per i biglietti. Le statistiche indicano che i viaggi sono destinati per le vacanze al 81% e per il 19% al business; il 31% dei turisti viaggiano da soli, solo il 29% in coppia e dal 12% al 25% con la famiglia e gli amici.
Inoltre “Euromonitor International” rivela che gli aeroporti d'uscita principali degli statunitensi sono quello di New York, Miami, Los Angeles, Atlanta, Chicago e Newark e che le destinazioni dei turisti verso l'America Latina sono principalmente destinazioni di mare.

 

S
U
P
P
O
R
T
O