Promigas prevede di investire in impianti domenicani

La società colombiana Promigas prevede di investire tra i 500 e 600 milioni di dollari nella trasformazione a gas naturale di diversi impianti dominicani di generazione di elettricità mossa dal petrolio, ha detto il suo Presidente, Antonio Celia.
La società colombiana Promigas, controllata dalla multinazionale Ashmore Energy, si dedica al trasporto e alla distribuzione di gas naturale e di carburante. Attraverso le sue controllate Terpel e Gazel, ha detto Celia, la società partecipa alla distribuzione di combustibili liquidi e gas naturale compresso (CNG).
Secondo il Presidente della società colombiana Promigas, "molto può essere fatto con il gas naturale nei Caraibi. Con la Repubblica Dominicana vediamo la possibilità di avere un impianto per importare gas naturale nel paese. Stiamo guardando a questa alternativa perché le centrali termiche stanno utilizzando combustibile liquido, che è molto costoso. Quindi l'idea sarebbe prendere qualche termica e convertirla a metano, riducendo i costi di generazione", ha detto Antonio Celia.
Le riserve di gas comprovate, probabili e possibili della Colombia nel 2012 ammontano a 7.030 Giga piedi cubi (GPC), di cui l’81% corrisponde a riserve comprovate. L'attività di esplorazione intensa ha permesso di incorporare più di 181 milioni di metri cubi al giorno (MCFD) negli ultimi anni, a cui si sommano 300 MCFD che dovranno venire dal Venezuela nel 2014. La domanda di gas nel 2012 è stata di 856 MCFD, quantità superata solo nel 2010, quando il paese visse il fenomeno di El Niño richiedendo una maggiore offerta di questo combustibile per la generazione termica di backup.

S
U
P
P
O
R
T
O