Presidente Santos annuncia Piano economico shock

santos 21 1345682005 0Presidente Santos annuncia Piano economico shock

Il Presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, ha annunciato il 15 aprile alcune iniziative e la sua corrispondente metodologia per rilanciare alcuni settori mostrando debolezze quali l'industria e l'agricoltura, che sono grandi generatori di occupazione, in quello che è stato chiamato un "Piano economico shock".
Inoltre, dinanzi ad oltre 100 imprenditori riuniti dall'Associazione Nazionale degli Imprenditori di Colombia (ANDI), i ministri del Commercio e dell’Industria, Sergio Díaz-Granados e Mauricio Cárdenas, rispettivamente, hanno sottolineato che le misure del governo, meglio conosciute come piano economico shock, avranno effetto a breve termine e che questo non porterà a trascurare l'agenda di competitività a lungo termine adottata dalla Colombia.
Luis Carlos Villegas, Presidente di ANDI, ha detto "ogni capriccio' dei leader politici conduce al rinvio di un progetto produttivo e che ogni incrocio di lettere 'acide' impedisce la creazione di un’occupazione formale", motivo per cui ha chiesto unità al paese e ha esortato il settore privato "a non scoraggiarsi a questo punto perché siamo passati attraverso situazioni peggiori in passato e le abbiamo superate".
A questo proposito si è saputo che per il prossimo anno, il 50% di PMI nel paese deve essere connesso a Internet, poiché oggi è solo il 15%. Le PMI sono un mercato attraente per qualsiasi attività commerciale, motivo per cui i settori finanziari, tecnologico, delle telecomunicazioni e lo stesso Stato, solo per citarne alcuni, sono determinati ad offrire soluzioni specializzate per soddisfare le loro esigenze, così come i vari programmi di supporto per migliorare le loro prestazioni, tutto compreso nel piano economico shock.
In campo tecnologico, cercare di conoscere la cultura aziendale per fare business e la particolarità dei suoi dintorni è diventata una sfida per coloro che conoscono il suo potenziale e hanno una soluzione che può aiutarli. A questo proposito e attraverso il piano economico shock, il Presidente Santos sosterrà questo impulso affinchè, nel medio termine, siano le PMI a guidare buona parte dello sviluppo della Colombia.
Così, il Ministero delle Tecnologie dell'Informazione e delle Comunicazioni ha mantenuto l'impegno di raggiungere, entro il 2014, il numero di quasi 800.000 PMI collegate a Internet, un aspetto direttamente correlato alla crescita significativa del settore ICT, che lo scorso anno ha raggiunto il 7,7%, superiore anche alla crescita economica del paese, che ha raggiunto il 5.93%. Oggi in Colombia ci sono circa 1,6 milioni di imprese, di cui il 96,4% sono piccole e medie imprese (da 1 a 10 dipendenti), cioè più di 1,54 milioni. Per quest'anno, è stato identificato che solo il 7% di queste organizzazioni utilizzava Internet, e il 13% disponeva di un computer.
I risultati alla fine del 2012, anche se sono incoraggianti, mostrano che il tratto che manca per raggiungere gli obiettivi è grande e si deve coinvolgere l'intero settore. Nell'ultimo anno c'è stato un aumento del 36% di PMI connesse e, sin dal principio del governo del Presidente Santos, la crescita è stata del 114%, passando dal 7% al 15%.

 

S
U
P
P
O
R
T
O