Le Zone Franche della Colombia

zonasfrancasLe Zone Franche della Colombia


Le Zone Franche della Colombia sono state create al fine di trasformarle in strumenti di supporto al modello di apertura e internazionalizzazione dell'economia, attraverso la promozione dell'industrializzazione, la generazione di valuta estera e l'espansione del commercio internazionale.
Le Zone Franche della Colombia possono essere amministrate sia dal settore pubblico sia dal settore privato nazionale e straniero, in conformità con i decreti 2131 del 1991 e 971 del 1993. All'interno del processo di modernizzazione delle Zone Franche, è stato disegnato uno schema per la loro privatizzazione che comprende la liquidazione degli enti pubblici che le gestiscono e la locazione degli impianti a operatori privati.
Gli incentivi offerti nelle Zone Franche della Colombia sono: fiscali, laddove gli utenti delle Zone Franche industriali e turistiche godono dell’esenzione dal pagamento dell'imposta sul reddito e sui redditi supplementari, così come delle imposte sul reddito e sulle rimesse per i pagamenti e bonifici effettuati all'estero avendo come causale interessi e servizi tecnici, effettuati dagli utenti industriali di beni e servizi.
Commercio estero: esenzione dai dazi d'importazione per le merci provenienti dall'estero e introdotte nelle zone franche industriali e commerciali. D'altra parte, i beni introdotti in queste aree, provenienti dal paese, sono considerati un'esportazione e godono dei vantaggi degli incentivi concessi alle esportazioni colombiane. Inoltre, l'importazione nel paese di merci prodotte in Zone Franche industriali causa dazi d'importazione sul prodotto estero incorporato.
Investimenti esteri: gli investimenti di capitale straniero godono del libero rimpatrio dei profitti e del capitale e possono effettuarsi con le seguenti modalità: macchine e attrezzature, materie prime e beni intermedi, valute, beni immateriali e servizi tecnici, reinvestimenti e profitti generati da aziende che operano nel resto del paese e che superano i limiti di bonifico all'estero.
Infine, cambiari. Gli incentivi offerti agli utenti delle Zone Franche industriali si traducono in libertà di possesso e negoziazione di tutti i tipi di valute convertibili entro la rispettiva area della Zona Franca e la possibilità di mantenere tali valute in depositi o conti in banche colombiane o estere.
Dai redditi percepiti nello sviluppo delle loro attività, le aziende installate nelle Zone Franche industriali non sono obbligate a ripristinare le valute corrispondenti al mercato cambiario.
Attualmente le Zone Franche industriali della Colombia di beni e servizi si trovano a Barranquilla, Bogotá, Cali - la Cittadella Industriale del Pacifico -, Cartagena, Cucuta, Malambo, Palmaseca, Quindio, RioNegro e Santa Marta. Inoltre, sono state autorizzate tre zone franche di servizi turistici che sono Baru e Eurocaribe a Cartagena de Indias e Pozos Colorados a Santa Marta.

 

S
U
P
P
O
R
T
O