La Cina è il principale investitore in Cambogia.

chinaLa Cina è il principale investitore in Cambogia.
La Cina è il principale investitore in Cambogia degli ultimi 18 anni con un importo di più di 9 miliardi di dollari, che deve raddoppiarsi grazie a nuovi grandi progetti, come per esempio altri investimenti cinesi che si rivolgono all’abbigliamento, banca e finanza, immobiliare, turismo e agricoltura.
Un rapporto del governo diffuso in Phnom Penh, capitale della Cambogia, che si riferisce al periodo dal 1994 al 2012, pone nei posti più bassi della classifica paesi come Corea del Sud, Malesia, Regno Unito, Vietnam e Thailandia, con cifre che vanno da 4 a 1 miliardo di dollari.
Tuttavia in questi ultimi anni, la Corea del Sud ha iniettato 287 milioni di dollari in investimenti, lasciando il paese britannico molto indietro rispetto agli altri paesi altri asiatici.
Ma ora la Cina è il principale investitore in Cambogia e rimarrà irraggiungibile alla punta di questa importante forma di cooperazione per lo sviluppo del Regno Indocinese, avendo concordato la costruzione di 400 km di linea ferroviaria, un impianto siderurgico e un porto, per un valore totale di 11 miliardi di dollari.
Alla fine dello scorso anno la rivista Post ha riconosciuto che la Cina è il principale investitore in Cambogia rivelando i più grandi investimenti mai conosciuti prima nella impoverita Cambogia, dopo che è stato ufficialmente annunciato l'ambizioso piano di stendere le rotaie dalla futura industria fino alla rada di imbarco dei prodotti sull’isola commerciale di Koh Kong.
C'è una forte richiesta per il trasporto di materiali dalle mine verso la Cina e il resto del mondo, ha commentato in quell'occasione Zhang Li Chuan, capo della compagnia mineraria del ferro e dell'acciaio della Cambogia, fondata a Phnom Penh dal 2006.
L'accordo, le cui opere cominceranno a eseguirsi nel 2013 e dovrebbero concludersi entro la fine del 2017, è stato annunciato pochi giorni dopo l’ànnuncio di una joint venture per la costruzione di una raffineria di petrolio con un investimento pari a 2,3 miliardi di dollari.
La Cambogia ha bisogno di prepararsi per il futuro sfruttamento delle risorse di idrocarburi sotto le acque condivise con la Tailandia, nel golfo omonimo, un filone che porta con sè le aspettative di un salto economico.
 
S
U
P
P
O
R
T
O