Investire nel mattone

Non sempre acquistare la prima casa è un buon affare ma, ad esempio, comprare l’ appartamento del vicino conviene. Infatti i benefici relativi all’acquisto della prima casa (imposta di registro al 3% e mutui agevolati) valgono pure se si uniscono due appartamenti attigui, anche in tempi diversi, basta che siano destinati a costituire un’unica abitazione, purché questa non abbia le caratteristiche di lusso (stabilite dal Decreto ministeriale del 2 agosto 1969).   

 

Sono considerate abitazioni di lusso quelle che hanno almeno quattro delle caratteristiche elencate nel decreto appena richiamato: per esempio, superficie utile superiore a mq 160; più di un ascensore; scala di servizio (a meno che non obbligatoria per legge); montacarichi o ascensore di servizio che servono meno di quattro piani; scala principale di lusso; altezza dell’appartamento superiore a 3,30 m (anche in questo caso, purché non sia obbligatorio per legge). L’agevolazione è valida se ci sono tutte le altre condizioni previste dalla nota II bis dell’art. 1 della Tariffa, Parte prima, del Dpr 26 aprile 1986 n. 131 (Testo unico dell’imposta di registro). Ovvero: l’ubicazione della casa, l’assenza di altri diritti reali su  altri immobili nello stesso comune, non avere già approfittato dei benefici prima casa per un’altra casa di proprietà, prima che siano trascorsi cinque anni dall’acquisto. primacasaInfatti tra le cause di decadenza dal beneficio prima casa c’è il trasferimento, a qualsiasi titolo, degli immobili comprati con il benefico fiscale, prima del decorso di cinque anni dalla loro acquisizione.
L' ultimo libro di Giovanni Caporaso "Investire nel mattone, in Italia e all' Estero", edizioni Expats Ebooks,
www.expatsebooks.com, affronta il tema "mattone" Se vivi in una casa in affitto ti sarai sentito dire un milione di volte: “smettila di buttare via i soldi pagando l’ affitto, comprati casa e con gli stessi soldi ci paghi il mutuo”.  E’ un ragionamento che sembra non fare una piega, ma è il peggiore consiglio finanziario che possono darvi. Se infatti blocchi il tuo credito o capacità d’ indebitamento per la vostra casa, invece di investire in un immobile da rivendere o da affittare i vostri soldi rimangono ancorati e non producono.
Non sarà un investimento ma un costo.  Il 48% delle case in Italia vengono acquistate con un mutuo, ma non sempre è per viverci.
Negli USA centinaia di persone sono diventate milionarie comprando immobili a credito. Certo li il sistema creditizio è differente e tra l’ altro ha portato al tracollo economico della superpotenza, ma si può operare anche nel mercato europeo, in maniera forse meno pretenziosa ma che può dare i suoi frutti. Ci sono paesi poi dove si può investire in immobili a partire da 3-4 mila euro, il costo di un motorino...
In questo libro troverete le informazioni necessarie per intraprendere l’ attività immobiliare, anche con un piccolo capitale.
Investire nel “mattone”, ossia in immobili, non solo rimane sempre un buon affare, oltre che il preferito dagli italiani.
Investire nel mattone può sembrare un luogo comune ma può essere più redditizio di quanto molti possano credere.
Se ad esempio volessimo comprare azioni o buoni del tesoro con 100 mila euro a disposizione, potremmo avere il controvalore di 100 mila euro. In casi particolari poco più.
Con gli stessi 100 mila euro potremmo però acquistare una proprietà del valore di 200 mila euro accendendo un mutuo del 50%, di 300 mila euro con un mutuo del 66% e un immobile da 500 mila euro con un mutuo dell’ 80%.
Infatti per l’ acquisto di immobili non è difficile ottenere dei mutui bancari. Le banche non prestano invece soldi per l’ acquisto di azioni, buoni, obbligazioni, oro o diamanti. Si li prestano per immobili. E sapete perché? Per il semplice motivo che lo ritengono un buon business. Se non fosse così non presterebbero i soldi, tra l’ altro ad un tasso molto inferiore di qualsiasi altro prestito aziendale.
Se avete acquistato un immobile da 500 mila euro e lo rivendete a 550, il suo valore si sarà incrementato solo del 10%, cioè di 50 mila euro, ma questo rappresenta un ritorno del 50% sul vostro investimento iniziale.
Logicamente l’ immobile acquistato può non aumentare di valore immediatamente, il prezzo potrebbe anche calare temporaneamente visto che non esistono formule sicure per guadagnare, ma il rischio non è alto e se avete comprato bene il guadagno è sicuro.
In particolari casi, si può addirittura guadagnare un 200-300% in meno di un anno. Nei vari capitoli analizzeremo i tipi di immobili e le speculazioni che si possono fare in questo mercato.
Gli italiani sono poi da sempre legati all’ acquisto della casa data la tradizionale capacità di conservazione del valore per la quale si può anche considerare come “bene rifugio”.
Basta pensare che l’ 80 per cento delle famiglie italiane vivono in casa di proprietà per poter stabilire che almeno quattro quinti degli italiani hanno pensato al mattone come investimento familiare.
Nel resto dell’ Europa la percentuale scende ad un 60% in Germania e al 42% in Francia. Forse anche perché i prezzi degli immobili sono più contenuti specie nella vicina Francia), ma sicuramente perché per cultura gli italiani preferiscono il mattone all’ oro, come bene rifugio (considerato sicuro).
Nell'ultimo decennio in Italia si è costruito meno che altrove in Europa e di questo nuovo patrimonio abitativo la quota destinata alla locazione è quasi nulla.
Anche per gli investitori più conservatori l’ immobile è un migliore affare che investire in BOT.
Per chi vuole saperne di più il libro "Investire nel Mattone in Italia e all' Estero" è in vendita su
www.lulu.com/content/2065726 e www.expatsebooks.com

S
U
P
P
O
R
T
O