Colombia utilizza sempre più il canale di Panama

colpanaColombia utilizza sempre più il canale di Panama


Colombia ha superato nel 2012 l’Ecuador divenendo il secondo principale cliente latinoamericano del canale di Panama, il terzo in America e il sesto nel mondo, con circa 15,2 milioni di tonnellate inoltrate sulla rotta intraoceanica o verso porti colombiani.
Così, per il quarto anno consecutivo, Colombia ha mantenuto ritmi di crescita del flusso dei carichi via Canale e ha riconquistato il secondo posto, che aveva raggiunto nel 2009. Secondo le statistiche fornite dall’Autorità del Canale di Panama (ACP), nel 2009 c'era un flusso di 12,6 milioni di tonnellate da o verso Colombia (sesto posto a livello mondiale, il secondo a livello latino-americano secondo e il terzo a livello americano), e tale cifra è aumentata a 13,1 milioni nel 2010 e 14,7 milioni nel 2011.
Durante questo periodo le tonnellate da o verso Ecuador hanno subito alti e bassi. Per esempio, dai 12,5 milioni nel 2009, quando fu settimo nella lista, Ecuador è salito a 14,6 milioni nel 2010 con la sesta posizione nel mondo, ma poi è caduto nel 2011 con solo 14,5 milioni di tonnellate (ottavo) e ha recuperato l'anno scorso con 14,8 milioni tornando a occupare il settimo posto.
Inoltre, en 2011, con 15,2 milioni il Perù fu sesto in questa classifica e ha superato l'Ecuador e la Colombia che è rimasta era al settimo posto.
Per parte sua, il trasporto di merci tra porti colombiani –da o verso le coste colombiane del Pacifico e Atlantico, ha aumentato da 131.089 tonnellate nel 2011 a 305.595 tonnellate nel 2012, secondo il conteggio.
Nel frattempo, il totale movimentato dalla o verso la Colombia, circa 9,7 milioni di tonnellate, è venuto dai porti colombiani. Vale ricordare che nel 200137, il canale di Panama ha frenato il ritmo ascendente del tasso di carico risentendo l'impatto della recessione globale, situazione che ha cominciato a invertirsi dal 2011.

S
U
P
P
O
R
T
O