Cina: apertura agli investimenti

investingCina: apertura agli investimenti

L’apertura del Governo della Cina agli investimenti stranieri, il cambio favorevole, il costo della manodopera, la stabilità politica e la capacità imprenditoriale della classe dirigente cinese hanno attirato negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Questa situazione, oltre a permettere all’economia cinese di crescere con un PIL intorno all’ 8% annuo, sta ridisegnando l’attuale scenario economico-produttivo spingendo molte aziende a spostare la propria produzione in Cina. La Cina offre però anche un ampio mercato, formato da un’enorme classe medio-alta con un reddito medio procapite uguale a quello europeo. ChinaMultiservice ha tra i propri obiettivi quello di aiutare piccole e medie imprese a conquistare quote in questo mercato.
La svolta degli ultimi trent’anni
La storia cinese negli ultimi cento anni è stata oltremodo caotica. Nel corso di un secolo, la nazione è passata dall’apparente stabilità di un impero plurimillenario all’anarchia quasi totale sotto i signori della guerra, per arrivare poi a consolidare la politica socialista con l’avvento della Repubblica Popolare nel 1949. Qualche anno dopo la morte di Mao Zedong, avvenuta nel 1976, Deng Xiaoping ha dato inizio ad una politica di modernizzazione mirata a trasformare l’economia del paese. L’ingresso nel WTO ha permesso poi alla Cina di entrare di slancio nel mercato mondiale anche se le relazioni con i businessmen cinesi non sono sempre facili. La lingua non è il solo ostacolo da superare; bisogna soprattutto capire e rispettare le differenze che separano il nostro mondo da quello orientale. Per comprendere questo punto, è importante ricordare che la cultura cinese si basa sul confucianesimo ed in particolare sull’idea di famiglia che questa filosofia ha perpetuato nei secoli. Tale concetto fa riferimento all’importanza degli elementi che la compongono e più in particolare al rispetto che i figli devono ai genitori, nozione tuttora importantissima per i cinesi. Nella concezione comune, la famiglia è il punto fermo della società e anche le aziende cinesi rispecchiano questo tipo di struttura. Stringere un’amicizia con una controparte è dunque considerato dagli uomini d’affari come il primo passo di una trattativa commerciale. Piuttosto che le firme sui contratti, saranno i pranzi e le cene in grande stile a suggellare solidamente un rapporto di lavoro.
Fonte: www.chinamultiservice.com
Yunnan Kunming
Nan Pin Jie,
Shiji Guangchang,
B zuo 20 lou B hu
tel (0086) 8713628227
fax (0086) 8713628213

S
U
P
P
O
R
T
O