Martedì, 06 Febbraio 2018 23:45

Consultazioni telefoniche Cuba

asistencia copyA causa del grande volume di chiamate di persone incuriosite dalla pianificazione fiscale offshore e dai servizi offerti dai paradisi fiscali, abbiamo dovuto limitare le chat e le consulenze via Skype o telefono ai soli clienti. Se non siete ancora nostri clienti e desiderate una breve consulenza vi preghiamo di prenotare e pagare una consulenza telefonica.

Abbiamo dato l' opzione di scegliere la durata in 10 minuti al costo di 30.00 EUR, 20 minuti al costo di 60.00 EUR e 30 minuti al costo di 90.00 EUR. Come vedete il prezzo è accessibile a tutti, specie a chi ha la necessità di pagare meno tasse. Inoltre, il costo è deducibile al 100% da qualsiasi servizio acquistiate. Vi preghiamo di capire che questo sistema ci aiuta a ottimizzare il nostro tempo e a scartare curiosi e perditempo in modo da poter dare maggiore attenzione ai nostri clienti.  
 

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

investirecubaIl Decreto n° 327, “Regolamento della Procedura per gli Investimenti”, entrato in vigore dopo la sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Straordinaria n° 5 della Repubblica di Cuba, il 23 gennaio 2015, prevede la partecipazione di tutte le forme di gestione, statali o no, ed in quest’ultimo caso, sia di persone naturali, sia di persone giuridiche. Stabilisce anche che tutti i soggetti, tranne il progettista, possono essere persone naturali. Inoltre la decisione di investire inizierà a decentrarsi gradualmente a tutti i livelli di dirigenza, metodo già adottato dal 2013 nel sistema imprenditoriale. Attualmente l’85% degli investimenti viene approvato a livello centrale; da questo momento i dirigenti delle imprese potranno approvare determinati investimenti senza necessità di consulenze, soprattutto quegli investimenti che garantiscano la semplice riproduzione delle attività finanziate, il rifornimento di attrezzature ed il mantenimento delle loro funzioni.

Il Decreto n° 327 precisa in quale momento devono essere ottenuti i differenti permessi, in che circostanze vanno richiesti, chi li concede e quanto tempo può impiegare un organismo a cui si richieda un certo tipo di consulenza; tutti questi sono aspetti che anteriormente non erano raccolti in nessun tipo di documento legale. Il Regolamento specifica le obbligazioni da rispettare nel corso della procedura per gli investimenti, relativamente a temi specifici, di sua competenza, ovvero: ubicazione, ambiente, trasferimento di tecnologia, impiego di fonti rinnovabili ed uso efficiente dell’energia, sicurezza ed ordine interno, difesa, commercio, uso dello spettro radio ed elettronico, trasporti, turismo, costruzione, uso del suolo e delle risorse minerarie, industria, elaborazione di alimenti, igiene e difesa civile.

Un’altra novità è che la Pianificazione Fisica mette a fuoco la procedura per l’ottenimento dei permessi per gli investimenti costruttivi ed in questo modo si crea la procedura dello Sportello Unico, un meccanismo che considera il silenzio come approvazione. Infatti se, allo scadere di un certo periodo di tempo, l’organismo a cui si richiede consulenza non risponde, si assume che è d’accordo con la proposta di investimento.

Tra i benefici che il Decreto n° 327 apporterà alla procedura per gli investimenti a Cuba, si può sottolineare che per ogni fase della procedura per gli investimenti sarà prevista una licitazione, con o senza l’intervento dello Stato e con la partecipazione di differenti istituzioni, sia nazionali che straniere. Il Decreto prevede una licitazione per i progetti, per la costruzione e per le forniture, con l’obiettivo di cercare le migliori offerte in un ambiente di trasparenza e competitività, ma, soprattutto, con una solida base contrattuale, senza la quale risulta impossibile seguire una buona procedura per gli investimenti a Cuba.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

invertire a cuba copy copyDopo l’approvazione, nel maggio del 2013, della Politica per il Perfezionamento della Procedura per gli Investimenti, il 23 gennaio 2015, in seguito alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale Straordinaria n° 5 della Repubblica di Cuba, è entrato in vigore il Decreto n° 327, il “Regolamento della Procedura per gli Investimenti”, assieme ad una serie di normative giuridiche complementari, mediante le quali si mette fine alla dispersione legislativa esistente in materia e si aggiornano ed adeguano le differenti normative che hanno a che fare con tale procedura.

Il Decreto n° 327 si riferisce a tutti gli investimenti realizzati all’interno del territorio nazionale, da parte delle Imprese statali, delle Società mercantili a capitale interamente cubano, delle Imprese miste, delle Associazioni Economiche Internazionali (AEI) e delle Imprese a capitale totalmente straniero.

Tra le novità del Decreto n° 327, il “Regolamento della Procedura per gli Investimenti”, vi è quella di stabilire anche le modalità degli investimenti stranieri, che finora erano regolati dalla Legge sugli Investimenti Stranieri e non facevano riferimento alla Risoluzione 91 “Indicazioni sulla Procedura per gli Investimenti”, del 16 marzo 2006, emanata dal Ministero dell’Economia e della Pianificazione, con l’obiettivo di organizzare gli investimenti all’interno del Paese. Nonostante ciò sono state previste delle eccezioni come le Zone Speciali di Sviluppo ed i percorsi tracciati dall’Ufficio per la Salvaguardia del Centro Storico dell’Avana. In questo modo si definisce che gli investimenti stranieri a Cuba procedano in accordo con le altre norme giuridiche sulla procedura per gli investimenti.

Il Decreto n° 327 riafferma che l’investitore diventa il soggetto principale di ogni investimento; oltre a ciò definisce le sue funzioni e quelle dei restanti soggetti che fanno parte della procedura, ovvero il progettista, il fornitore, il costruttore, il beneficiario e l’appaltatore. Nonostante ciò a partire da questo momento tutti gli investitori dovranno ricevere una formazione specifica ed inoltre dovranno possedere un titolo, senza il quale non potranno svolgere le loro funzioni.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

Venerdì, 26 Gennaio 2018 00:25

10 Cose che devi sapere per investire a Cuba

10 cose che devi sapere per investire a cubaGli investimenti stranieri si sono convertiti in una prioritàà per il governo cubano, in un contesto nel quale, nel 2016, la sua economia é decresciuta dello 0,9%
Il governo di La Havana ha assicurato che ha bisogno almeno di 8 mila milioni di dollari di capitale straniero per iniziare a crescere.

Per attrarre gli investitori, Raul Castro ha lanciato nel 2014 tra le sue riforme, una nuova legge per gli investimenti stranieri con importanti incentivi fiscali e la creazione della Zona speciale di sviluppo del Mariel (detta ZED)

L'economia cubana continua ad essere ferma, tuttavia il paese risulta attrattivo poichéé ha stabilitàà politica e sociale, una mano d'opera molto qualificata, una eccellente posizione geografica, interessanti risorse naturali e le nuove relazioni con gli Stati Uniti D'America (durante l'ultima tappa del Ex Presidente Barack Obama) offrono nuove prospettive per questo arcipelago cubano, nel quale operano almeno già sei aerolinee americane con voli di linea nonostante persista l'embargo di Washington ed esista incertezza su come proseguiranno le relazioni con Donald Trump.

Peró prima di investire a Cuba é importante conoscere almeno 10 dettagli fondamentali per capire come funzionino le cose a Cuba.
Perché anche con la nuova legge sugli investimenti stranieri (numero 118) esistono elementi molto specifici del processo d'Investimento.
1 - Uno dei principali dubbi nell'investire a Cuba é relazionato con la sicurezza dei capitali investiti, soprattutto perchéé in passato ci sono stati problemi in questo senso. Con la nuova legge si offrono garanzie piene agli investitori. Gli investimenti stranieri in Cuba non possono essere espropriati, eccetto per motivi di pubblica utilitàà o di interesse sociale d'accordo con la Costituzione del paese, con i trattati internazionali sottoscritti da Cuba e con la legislazione vigente e sempre con la dovuta indennizzazione per il suo valore commerciale stabilito di mutuo accordo tra le parti.
Inoltre Cuba ha sottoscritto 62 accordi bilaterali per la promozione e protezione reciproca degli investimenti (APPRI) e ha già firmato multipli convegni di doppia imposizione fiscale.
2 - Un altro dei dubbi é se gli investitori possano ottenere una proprietàà in Cuba.
In realtàà solo gli stranieri con Residenza Permanente (si ottiene solo per matrimonio o tramite i figli) possono avere a Cuba una casa di proprietà, anche se é possibile trattare l'acquisto di un immobile ad altri stranieri che abbiano una proprietàà di una agenzia immobiliaria cubana, senza la necessitàà di possedere una categoria migratoria specifica.
L'altra opzione é appunto realizzare l'acquisto di un immobile ad una agenzia immobiliare ufficiale. Mediante questo passo si ottiene il diritto alla Residenza Immobiliaria, una categoria migratoria speciale concessa dal governo cubano. Inoltre negli ultimi due anni vari imprenditori stranieri hanno trovato diversi sistemi per ottenere più di una proprietàà in Cuba tramite prestanomi o teste di legno.
3 - Nella nuova legge sugli investimenti si chiarisce la possibilitàà di investire a Cuba in tutti i settori, tranne che nell'educazione, salute, mezzi di comunicazione e nell'esercito. La Havana da prioritàà a vari settori, tra questi: l'agricolo, il forestale, l’industria alimentare, il settore energetico e minerario, l’industria dello zucchero, il siderurgico, chimico ed elettronico, sanitario, farmaceutico e biotecnologico, costruzione e turismo, trasporti, e l'industria degli imballaggi e recipienti.
La Havana cerca grandi investimenti sempre milionari e mantiene chiusa la presenza straniera nei piccoli investimenti.
4 - É possibile investire legalmente a Cuba in tre modalità: come impresa mista, con contratto di associazione economica internazionale e come impresa di capitale totalmente straniero. Un'altra maniera é investire a nome di cubani, o tramite prestanomi o teste di legno. L'impresa mista è la compagnia mercantile cubana nella quale partecipano come azionisti uno o più investitori nazionali ed uno o più stranieri, invece il contratto di associazione economica internazionale é l'accordo tra investitori nazionali e stranieri senza costituire personalitàà giuridica diversa dalle due parti. Per ultimo l'impresa di capitale totalmente straniero é quella entità mercantile con capitale totalmente straniero nella quale non esiste nessun investitore cubano. Questo tipo di impresa si può vendere o trasmettere allo stato come a terzi.
5 - Come chiarisce la legge d'investimento straniero, per una persona naturale cubana, risulta impossibile associarsi con capitale foraneo almeno in maniera legale, anche se nella pratica soprattutto nei piccoli business, é evidente che i capitali dietro la creazione di ristoranti e case private d’affitto provengono dall'estero. Tutto questo all'interno delle riforme volute da Raul Castro.
6 - Gli interessati nell'investire a Cuba che desiderano aprire degli uffici nel paese devo sapere che dovranno compiere con vari requisiti.
7 - Gli investitori stranieri possono contrattare personale cubano o straniero con residenza permanente nel paese, anche se la legge per gli investimenti permette inserire nel paese personale straniero per occupare incarichi direttivi.
8 - Uno dei grandi vantaggi della legge di investimenti stranieri a Cuba risiede negli sconti a livelli fiscali. Nel paese si applicano otto tasse, l'imposta sugli utili (35%), la tassa per la forza lavoro, l'imposta per le vendite (5% all'ingrosso-10% al dettaglio) la tassa sui servizi (10%), l’imposta speciale a prodotti e servizi, la tassa ambientale, quella di contributo territoriale, e quella doganale che si basa in dazi doganali.
9 - Cuba ha posto un interesse speciale alla zona speciale di sviluppo del Mariel, che ha come obbiettivo lo sviluppo di progetti di alta tecnologia che contribuiscano ad incrementare le fonti di lavoro e le esportazioni. Qui si applica un regime tributario speciale che esenta dal pagamento per dieci anni per l'uso della forza lavoro e dall'imposizione sulle utilitàà.
Inoltre si é liberati dal pagamento dei dazi doganali riguardanti i mezzi per l'investimento, e dalle tasse su le vendite ed i servizi nel primo anno di operazioni. Non é necessario pagare inoltre la tassa di contributo territoriale per lo sviluppo locale.
Per investire a Cuba nel Mariel la tramitazione é molto più semplice, anche se poi la burocrazia è una remora.
Bisogna presentare: uno scrito che possa fondamentare i motivi di interesse del progetto in questa zona, i documenti vidimati dal Consolato Cubano della societàà interessata, il bilancio presentato, ed un certificato di Registro o Camera di Commercio che accrediti l’esistenza della società, una delega di rappresentazione del richiedente, uno studio completo di fattibilitàà tecnica, finanziaria ed economica ed una previsione di mercato anche se nella pratica il processo può risultare snervante.
10 - Una delle maggiori preoccupazioni degli impresari all'investire a Cuba é la ripatriazione dei capitali. Nella legge sugli investimenti stranieri si spiega che lo stato cubano garantisce il libero trasferimento dei guadagni verso l'estero, senza ulteriori dazi o imposizione sui dividendo o benefici che ottenga l'investitore per le sue operazioni nel paese.
Tra i consigli più utili per investire a Cuba uno risalta: non aspettarsi di risolvere una negoziazione in tempi rapidi. Cuba continua a tardare nell'accettare un progetto di investimento straniero, però una volta superati gli ostacoli burocratici é possibile stabilire un buon business nel paese ed approfittare delle vantaggiose condizioni esistenti.
La nostra impresa puó assistere gli investitori stranieri in tutti i suddetti processi amministrativi e burocratici.
INSERTAR FORMULARIO
Voglio investire a Cuba
  • Da 0 a 100mila EUR
  • Da 100 a 500mila EUR
  • Da 500 a 1 Milione di EUR
  • Più di 1 Milione de EUR
  • Settore (box de texto)
  • Nome e Cognome
  • Nome della societàà (se applica)
  • Email
  • Telefono
  • INVIARE
a info investireacuba.net
Cololocar abajo consulta telefonica
  • 10 min. 40 EUR
  • 20 min. 80 EUR
  • 30 min. 120 EUR

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

Giovedì, 25 Gennaio 2018 23:52

Come investire a Cuba?

invertire a cuba copyAttualmente non sono pochi quelli che cercano opzioni per approfittare del processo di apertura dell'isola, ma molti sono ancora timorosi visto che è un mercato con poche o senza regole.

Cuba continua ad essere un paese complicato per investire, però con una corretta consulenza é possibile ottenere vantaggi dalla buona posizione geografica e dall'alto capitale umano di questa nazione.

Attualmente esistono tre possibilità di investimento a Cuba:
La prima opzione é come persona naturale, peró risulta difficile dato che legalmente é necessario possedere una residenza permanente nel paese, la quale si ottiene solo attraverso il matrimonio o avendo dei figli cubani.
La formula che si può utilizzare per realizzare un investimento personale é tramite un cittadino cubano o un residente permanente straniero di fiducia.
Altra possibilità di investimento a Cuba è partecipando, personalmente o tramite un prestanome, in una cooperativa non agricola. Questa è la formula più simile alla piccola impresa privata. Le cooperative hanno personalitàà giuridica e possono importare ed esportare materiali e fare investimenti leggermente più grandi. Per creare una cooperativa é necessario avere come minimo cinque soci ed OPM Corporation può fornire i fiduciari necessari.

Nelle consulenze OPM Corporation vengono spiegate tutte le garanzie legali d’investimento attraverso le cooperative. In questo momento l'approvazione di nuove cooperative é ferma, in quanto è al vaglio un nuovo progetto di legge che permette creare piccole e medie imprese private a Cuba.
Inoltre bisogna prevedere che ci vorrà un certo tempo affinché venga regolamentata la nuova legge, nonostante questo consigliamo di iniziare il procedimento di registro della cooperativa, in modo tale che la pratica sia già avviata al momento dello sblocco del rilascio dei permessi.

La seconda opzione é stipulare un contratto tra una impresa straniera ed una cubana. Questo permette di vendere prodotti ad una impresa o fare degli investimenti dall'estero con imprese cubane. É importante sottolineare che tutte le imprese cubane sono statali.

La terza variante per investire a Cuba é creare una impresa mista, per esempio per la costruzione di hotel, centri commerciali, strutture turistiche, fabbriche, ecc. In questo caso é necessario creare una impresa all'estero (o averla già creata), realizzare un contratto con una impresa cubana del settore e sviluppare l'investimento con un business-plan ben dettagliato.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

S
U
P
P
O
R
T
O