irs bitcoinL'Internal Revenue Service (IRS) degli Stati Uniti ha trovato un nuovo obiettivo, nella sua corsa crescente per raccogliere più soldi dalle tasse dei cittadini americani: gli investimenti fatti in Bitcoin, la criptovaluta più usata al mondo e che continua ad essere valutata nei mercati.

L'IRS ha focalizzato la sua attenzione su Coinbase, considerata una delle più grandi piattaforme Bitcoin del pianeta, e ha chiesto tutti i movimenti dei conti dei cittadini degli Stati Uniti negli ultimi tre anni. Se avessero ricevuto questi dati, sarebbero stati in grado di perseguire, i cittadini americani che non hanno dichiarato questo reddito. Coinbase ha rifiutato di fornire informazioni che considera, appunto, riservate. Il CEO della compagnia, Brian Armstrong, protestò perché l'IRS suppone che, qualsiasi utente statunitense con investimenti in Bitcoin, lo stesse facendo per evitare di pagare le tasse.

La battaglia legale non è stata facile. Armstrong ha utilizzato diversi argomenti, tra cui quello che richiedere informazioni dettagliate sulle transazioni di tutti i conti di un paese era una violazione aperta della privacy. Per sostenere la sua idea, ha affermato che anche altre società come Paypal o Citibank si rifiuterebbero di consegnare tutti i registri dei loro clienti.

Dopo sei mesi di confronto, l'IRS ha accettato una diminuzione radicale del volume di informazioni richieste a Coinbase. Tra le modifiche è stata l'eliminata la richiesta di informazioni di pagamento e configurazione di sicurezza, nonché l'eliminazione della richiesta di lettere di podere e minute aziendali collegati a terzi.

Tuttavia, Coinbase ha continuato a premere affinché il tribunale decidesse a suo favore, quindi l'IRS può accedere solo al 3% dei record della società. Questo, secondo il direttore delle comunicazioni di Coinbase, David Farmer, può essere considerato un trionfo, poiché sono stati protetti oltre 480.000 record di clienti. Inoltre, Farmer ha dichiarato che il volume di informazioni che devono essere inviate all'IRS su circa 14.000 clienti è molto inferiore rispetto alla richiesta originale.

Anche se Coinbase è riuscita a contenere le richieste, rimane che il governo degli Stati Uniti e la sua agenzia, l'IRS, continuerà a fare pressione suii grandi detentori di Bitcoin, cercando di "dare l'esempio" per scoraggiare, altri utenti a utilizzare la criptovaluta all'interno delle tue strategie di ingegneria fiscale.

Forse la cosa più pericolosa è che, se un cittadino degli Stati Uniti decide di investire in Bitcoin per quanto possibile lontano dall'ambito di IRS, per esempio in mercati come Hong Kong, Corea del Sud e Giappone, rimane la paura che l'IRS, come fece un decennio fa, con le banche tradizionali, costringa  le aziende che lavorano con la criptovaluta a fornire i dati privati ​​dei loro clienti.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

S
U
P
P
O
R
T
O