CC10Cryptocurrency10 lancerà presto una nuova piattaforma, dove sarà possibile pubblicare annunci per comprare e vendere Bitcoin, Ethereum e Tether in 173 paesi e con pagamenti diretti in valuta locale. Il sito avrà un supporto tecnico permanente e sarà inizialmente disponibile in spagnolo, inglese e italiano.

Cryptocurrency10 intende competere con LocalBitcoin e LocalEthereum, anche se inizia con diversi vantaggi rispetto a questi siti, perché la piattaforma consente, in un unico spazio, di effettuare la vendita locale di diverse criptovalute; inoltre, Cryptocurrency10 sarà in grado di condurre affari con immobili, veicoli e servizi, pagando e ricevendo sempre il pagamento in criptovalute. La persona che pubblica l’annuncio sarà lei stessa a stabilire le linee guida del contratto, oltre a impostare i termini per il rilascio delle criptovalute. La funzione di Cryptocurrency10 non è la stessa del Exchange, dal momento che non sarà coinvolto nelle transazioni, a meno che non ci sia una disputa tra due utenti.

Cryptocurrency10 ha subito attirato l'attenzione di molti, perché offre alle persone la piattaforma ideale per scambiare la loro valuta locale contro Bitcoin ed altre criptovalute, in un ambiente che è facile da capire e totalmente sicuro. Gli utenti di Cryptocurrency10 pubblicano annunci sul sito, dove esplicitano chiaramente il cambio ed i metodi di pagamento per effettuare l'acquisto e la vendita di Bitcoin, Ethereum e Tether. Chi è interessato a queste offerte può contattare l'inserzionista per completare l'acquisto o la vendita. Questo contatto senza intermediari snellisce il processo ed elimina qualsiasi burocrazia, dal momento che la persona che ha eseguito la transazione ottiene le sue criptovalute o il denaro Fiat al momento del completamento dell'operazione.

Cryptocurrency 10 ammette qualsiasi tipo di pagamento accettato dalle due parti coinvolte nella transazione; Inoltre, per ogni scambio, Cryptocurrency10 offre garanzie sia per il venditore che per l'acquirente di criptovalute.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare


Lunedì, 04 Giugno 2018 22:52

Qual è il miglior sito sulle criptovalute?

crytocurrencyIn internet appaiono nuovi siti su criptovalute tutti i giorni. Questo fenomeno ci dà una idea di come oggi le criptovalute, come Bitcoin, Ethereum ed altre, stiano assumendo una certa rilevanza nell'economia globale; peró per molte persone può essere davvero difficile stare al passo con la gran mole di informazioni che si pubblicano giornalmente, senza contare che sempre esiste il rischio di cadere vittima di qualche frode.

Uno dei siti più completi e aggiornati del momento è Cryptocurrency10 dove è possibile trovare in forma assolutamente gratuita, un gran numero di articoli di esperti dove spiegano le tendenze più importanti delle criptovalute, l’andamento dei prezzi e l’attività degli Exchanges; inoltre, coloro che cercano informazioni più personalizzate possono ricorrere alle consultazioni telefoniche con esperti dove si può chiarire qualunque dubbio sulle criptovalute e la cripto-finanza.

Cryptocurrency10.com è parte del gruppo PAYOPM, che è considerato l'unico sistema offshore di pagamento on line del mondo.
Sul sito l'informazione è molto ben organizzata e gli esperti, pur mantenendo la profondità del contenuto, sanno di scrivere per un pubblico ampio e diversificato, e quindi gli articoli sono funzionali e comprensibili, sia per i più esperti di criptovalute, come per quelli che si avvicinano per la prima volta a questo mondo.

L'ampia varietà di articoli, dove sono affrontati diversi argomenti, è complementare al servizio di consultazioni telefoniche. Cryptocurrency10.com pone a disposizione un gruppo di esperti che possono essere consultati in qualsiasi momento. Questo tipo di interazione è stata molto ben accolta, perché il mondo delle criptovalute a volte può essere difficile da capire, ma una volta che  si riceva attenzione personalizzata è possibile chiarire tutti i dubbi.

Il prezzo al minuto della consultazione è di 3 EUR ed è necessario acquisire come minimo, 10 minuti. Cryptocurrency10.com continua a crescere  e presto metterà a disposizione nuovi servizi per i suoi utenti, tra cui uno fiduciario, che permetterà acquistare e vendere Bitcoin ed Ethereum a livello locale.
 
Qual è in questo momento il miglior sito sulle criptovalute? Per la qualità e diversità di contenuti, la facile struttura di navigazione, le comode consultazioni telefoniche con esperti riconosciuti sul campo, si può quindi affermare che Cryptocurrency10.com può essere considerato tra le migliori piattaforme online disponibili oggi per capire e cogliere le opportunità della 
criptofinanza.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

caduta bitcoinDopo aver raggiunto valori record, che hanno scatenato l'interesse per criptomonete, soprattutto nel Bitcoin, improvvisamente il castello di carte ha cominciato a cadere a partire dalla seconda settimana di gennaio. Il valore delle criptovalute è sceso drasticamente e, subito, gli appassionati delle teorie delle cospirazioni hanno tentato di trovare diversi colpevoli. I principali "sospetti" sono stati i governi che hanno adottato decisioni arbitrarie, con l’obbiettivo di arrestare l'aumento del valore dei Bitcoin, tra cui la Corea del Sud, però non pochi considerano che gli investimenti fatti con leggerazza degli ultimi tempi nei Bitcoin avevano contribuito allo scoppio della bolla. In realtà, né i presidenti disperati per mantenere il controllo finanziario ne gli investitori rampanti sembrano essere i colpevoli, il colpevole, realmente, è una sola persona, Chez Brandon, creatore del sito coinmarketcap.com.

Questo sviluppatore, 31 anni, vive nel Queens, New York e dal suo appartamento controlo il suo sito web e segue passo dopo passo, i cambiamenti dei valori delle diverse criptomonete. Coinmarketcap.com effettua una media di diversi mercati e mostra i risultati. Quando il valore del Bitcoin è salito alle stelle, il sito di Chez è diventato uno dei più consultati e, grazie alla pubblicità, ha permesso al'imprenditore di aumentare il suo ingresso economico e superare altri siti specializzati in criptomonete come CoinDesk, Coinbase o Blockchain.info.

Lo scorso 7 gennaio, Chez ha trasformato la sua pagina e questo cambiamento ha completamente alterato il mercato delle criptovalute. Quel giorno, lo sviluppatore ha eliminato la Corea del Sud dall'algoritmo per il calcolo del valore del Bitcoin e questo ha scatenato il caos. L'argomento usato da Chez era che il prezzo del bitcoin nel paese asiatico era molto più alto rispetto al resto. La modifica non è stata resa pubblica, dal momento che lo sviluppatore l’ha applicata e ciò ha influito sulla svalutazione immediata di Bitcoin. Questo calo non è più così brusco, ma, in ogni caso, i prezzi non si sono più ripresi.

La strategia seguita da Chez apre nuove preoccupazioni sui Bitcoin e sulle altre criptomonete, perché è pericoloso pensare a un futuro in cui i mercati possono essere trasformati dalla decisione di una persona. Nonostante questo e le minacce governative dei paesi in cui i loro cittadini pagano tasse più elevate, le criptovalute si sono dimostrate la migliore soluzione, al momento, per mantenere la privacy nelle transazioni finanziarie.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare


Martedì, 23 Gennaio 2018 09:47

Bitcoin, l'ultima frontiera dell’offshore?

criptoguerraLe criptovalute, in particolare i bitcoin, hanno raggiunto il massimo valore record a dicembre 2017; dopo, hanno avuto periodi di fluttuazione, con una tendenza al ribasso, causando una perdita di fiducia degli investitori verso le criptovalute. Perchè il prezzo è sceso del 29% in meno di due settimane dopo aver toccato il massimo valore? La risposta si trova nelle misure adottate dai vari governi, che minacciati dall'espansione nell'uso dei Bitcoin, hanno deciso di lanciare un "criptoguerra".

Uno dei governi più preoccupato, lo stesso che ha le tasse più alte per i suoi cittadini, gli Stati Uniti. Secondo il Segretario del Tesoro, il miliardario Steve Mnuchin, il Bitcoin è un "pericolo" e l'Amministrazione Trump potrebbe trattarlo come un conto offshore per il riciclaggio di denaro. Inoltre, ha affermato che Washington sta lavorando con il G-20 per evitare che le criptovalute passino dallo stato digitale, allo stato di conto bancario tipo svizzero.

Tra le azioni intraprese da Washington appare, l’incorporazione del protocollo di Conoscere il Tuo Cliente (KYC) nei portafogli digitali, questo permetterà seguire le tracce con maggior facilità, delle criptovalute, in questo modo assicurò Mnuchin, " combatteremo il riciclaggio di denaro sporco e di altre attività criminali". Mnuchin ha anche criticato i paesi che non avevano seguito l'esempio di Washington.

Sotto la pressione degli Stati Uniti, le nazioni del G-20 realizzerano, in un prossimo futuro, uno studio dell’impatto che può avere l’utilizzo delle criptovalute nel sistema finanziario tradizionale. Il passo successivo sarà quello di emanare delle leggi che violino la libertà degli utenti nell’utilizzare le criptovalute.
La pressione non è solo degli Stati Uniti, anche la Corea del Sud ha già annunciato un piano per eliminare la speculazione con la criptovaluta. Tale proposta comprende misure quali: l'obbligo di registrare l'identità di coloro che sono coinvolti nelle operazioni con criptovaluta, combinata con la chiusura di diversi mercati virtuali di monete digitali. Seoul ha anche impedito transazioni con criptovalute da parte dei non residenti e dei minori.

Mnuchin sembra essere molto preoccupato per la presunta speculazione legato al commercio di criptovaluta dicendo che questa "speculazione" mettere a rischio il consumatore; tuttavia, non ha riconosciuto che il rischio maggiore per i cittadini sono le imposta create dalle banche centrali, l'enorme inflazione dell’economie e l'impossibilità per la stragrande maggioranza delle persone di accedere a beni e servizi necessari.

Oggi, non pochi paesi stanno prendendo in considerazione la creazione di proprie criptovalute o utilizzare quelle già esistenti, come meccanismo di difesa contro le continue sanzioni economiche imposte dagli Stati Uniti. Tra le nazioni più interessate a questa possibile soluzione ci sono il Venezuela, l'Iran, la Russia e l'India.
La posizione di "criptoguerra" contrasta con le misure adottate da altri governi come la Bielorussia, che dal marzo di quest'anno considerà le attività connesse con le criptovalute completamente legali e libere da tasse.

Il decreto, firmato dal presidente, Alexander Lukashenko, consente alle aziende ed agli imprenditori, residenti delHigh Tecnology Park (HTP), di effettuare operazioni con moneta digitale, tra cui le criptovalute. Tutti potranno operare con le monete digitali nel territorio della Bielorussia attraverso una residenza in http che è una zona economica con un regime fiscale particolare, un analogo della Silicon Valley negli Stati Uniti. Attualmente, nella zona HTP operano 192 aziende, producono software e offrono soluzioni di nuove tecnologie ai clienti in 67 paesi.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

Martedì, 16 Gennaio 2018 16:20

Hot ICOs

criptovalute2Una ICO (Initial Coin Offer) è un'offerta iniziale di una nuova moneta nel settore delle criptovalute e blockchain; per capirci meglio, potremmo paragonarla alla IPO nel settore delle aziende.

In pratica, molte Società ed aziende stanno utilizzando le ICO per finanziare i loro progetti (blockchain) attraverso la vendita di tokens. Le ICO non sono ancora regolamentate del tutto (molti Paesi iniziano ad emettere regolamenti per normare la materia). Grazie alle criptovalute, considerate utility e non ancora strumenti finanziari, attualmente chiunque può raccogliere denaro attraverso l’emissione di una propria moneta. Il prezzo iniziale della criptovaluta viene stabilito dalla Società emittente ma poi, al termine del periodo di raccolta, si entra nella fase della quotazione ufficiale ed il prezzo viene stabilito dal mercato, ovvero dall’incrocio della domanda e dell’offerta. Generalmente si investe nelle ICO per diverse ragioni: c’è chi acquista i tokens perché crede nel progetto proposto dalla Società ed è convinto che possa avere grandi potenzialità nel futuro e c’è chi invece aderisce all’offerta per meri motivi speculativi (comprare la criptovaluta a prezzi bassi in fase di ICO e sperare poi di rivenderla a breve a valori assai più alti appena questa va in quotazione). Molto spesso infatti si è assistito a rivalutazioni a 2 e 3 cifre della criptovaluta nell’arco di pochi mesi.

ICO della settimana

Questa settimana vogliamo segnalare una nuova ICO che può avere potenzialità interessanti: CryptoHawk (https://cryptohawk.com/register?ref=0w7eaxeD)

Questa nuova ICO, made in Swiss, si ripromette di essere la prima società ad offrire molteplici funzionalità nel campo delle criptovalute:

·         wallet per diverse tipologie di criptovalute;

·         sistema di pagamento per attività commerciali;

·         alto livello di sicurezza dei propri wallet e delle transazioni;

·         emissione di carte di credito caricabili in criptovalute e spendibili in eur/usd/gbp/ecc…;

·         piattaforma di trading per criptovalute;

·         distribuzione di parte dei proventi derivanti dalle attività societarie a chi avrà wallet all’interno della piattaforma.

Chi aderirà alla loro ICO avrà la possibilità di comprare i tokens HAWKS al prezzo iniziale di circa 0,1 eur. Non c’è un limite minimo di acquisto. E’ possibile contribuire anche tramite bonifico bancario, dopo essersi registrati all’interno del loro sito (vedi link sopra). Per maggiori info e dettagli si consiglia di leggere il whitepaper (programma) all’interno del loro sito.

Portafoglio Crypto Fib30online

Cryptovaluta

Pr. Acquisto

Pr. Mercato

Perform.

Ethereum (ETH)

300 usd

1.320 usd

+440%

hold

Iota (IOTA)

1,40 usd

3,60 usd

+257%

hold

Loopring (LRC)

1,16 usd

1,80 usd

+155%

hold

Bitcoin (BTC)

4.500 usd

14.650 usd

+325%

hold

Ripple (XRP)

0,90 usd

2,00 usd

+222%

hold

Stellar (XLM)

0,20 usd

0,54 usd

+270%

hold

Litecoin (LTC)

80 usd

250 usd

+312%

hold

Per maggiori approfondimenti e assistenza (scelta exchange, apertura wallet, acquisto/vendita criptovalute, formazione e strumenti operativi), contattateci via email ([email protected]) oppure telefonicamente (348-8230801).

Bitcoin Future (CME market) 11 Gennaio 2018


Massimo:    19770 (18dic2017)     Minimo: 12265 (22dic2017)     ---       Apertura Trattazione: 19595 (18dic2017)    

Resistenza: 17300                        Supporto:   12000                                 Punto mediano: area 14650

Fase laterale in corso dal 22dic2017 si svolge entro canale blu: la violazione degli estremi del canale imprimerà la tendenza successiva. Per ora l’oscillazione entro tale range evidenzia obiettivo rialzista a 14600 (successivo in area 16700/16800). Ripiegamento a 13200.

Suggerimenti Operativi:

·         acquistare sui 13200 per rialzi a 14600, target successivo: 16600/16800

·         vendere a 16600/16800 per ribasso a 14600, stop su chiusura daily superiore a 17300  


Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

 

Martedì, 16 Gennaio 2018 16:13

Cryptocurrency della settimana

criptovalute1ETHEREUM (ETH): secondo il nostro punto di vista chiunque dovrebbe avere nel proprio portafoglio/wallet degli Ethereum, o meglio Ether. Ideata e creata da VitalikButerin, ricercatore e programmatore russo, a fine 2013, oggigiorno questa criptovaluta ha raggiunto una capitalizzazione di 118 miliardi di dollari, piazzandosi saldamente al secondo posto dopo il Bitcoin. Quando si parla di Ethereum si fa riferimento ad una piattaforma pubblica open source, decentralizzata e distribuita sulla quale è possibile far girare applicativi di ogni tipo attraverso gli smartcontracts. Attraverso questa piattaforma è quindi possibile movimentare e scambiare contratti di ogni tipo (scambio di criptovalute, pagamenti, passaggi di proprietà, compra-vendite di azioni, richieste ed erogazioni di finanziamenti, ecc…) ed è questa che la rende piuttosto unica nel suo genere. Gli Ether (ETH) rappresentano la criptovaluta che permette ai possessori di utilizzare e scambiare i servizi sulla piattaforma Ethereum.

Una breve presentazione di Ethereum era doverosa per capire soprattutto le potenzialità ed i campi di applicazione della piattaforma (blockchain) nel prossimo futuro, ma credo che ai nostri lettori interessi molto di più l’aspetto finanziario/speculativo legato alla criptovaluta.

cripto2

















(source: Coinmarketcap.com)

A gennaio 2017 l’ETH quotava 9 euro (12 usd); a distanza di 1 anno l’Ethereum (ETH) quota 1.000€uro (1.200us$), con una performance annua sbalorditiva: +10.946%!!!.
E’ vero, abbiamo raggiunto massimi storici di quotazione sia rispetto a euro che a dollaro ma secondo noi ETH ha ancora spazio per salire ulteriormente, soprattutto alla luce delle enormi potenzialità della tecnologia sulla quale si basa. E’ una criptovaluta da inserire nel proprio portafoglio anche ai valori attuali di mercato, con orizzonte operativo di medio periodo (almeno 6-18 mesi).

LOOPRING (LRC): una criptovaluta da tenere senz’altro in considerazione. Loopring è una piattaforma che consente lo scambio decentrato di token ERC-20 sulla blockchain di Ethereum; in poche parole consente transazioni multi-token, riducendo al minimo le commissioni. Gli scambi decentralizzati potrebbero costituire il futuro nel settore delle criptovalute perché garantirebbero anche maggiore sicurezza per gli utenti. Inoltre Loopring può vantare un team di professionisti e personaggi provenienti da importanti aziende come Google, PayPal ed Ernst&Young.

Da un punto di vista operativo lo abbiamo inserito nel nostro portafoglio il giorno 8 genn 2018 ad una quotazione di 1,15 usd. Il giorno successivo valeva già 2,18 usd (con max a 2,50 usd). Da tenere in portafoglio con target di medio periodo (almeno 4-8 mesi).

cripto1















(source: Coinmarketcap.com)


Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

irs bitcoinL'Internal Revenue Service (IRS) degli Stati Uniti ha trovato un nuovo obiettivo, nella sua corsa crescente per raccogliere più soldi dalle tasse dei cittadini americani: gli investimenti fatti in Bitcoin, la criptovaluta più usata al mondo e che continua ad essere valutata nei mercati.

L'IRS ha focalizzato la sua attenzione su Coinbase, considerata una delle più grandi piattaforme Bitcoin del pianeta, e ha chiesto tutti i movimenti dei conti dei cittadini degli Stati Uniti negli ultimi tre anni. Se avessero ricevuto questi dati, sarebbero stati in grado di perseguire, i cittadini americani che non hanno dichiarato questo reddito. Coinbase ha rifiutato di fornire informazioni che considera, appunto, riservate. Il CEO della compagnia, Brian Armstrong, protestò perché l'IRS suppone che, qualsiasi utente statunitense con investimenti in Bitcoin, lo stesse facendo per evitare di pagare le tasse.

La battaglia legale non è stata facile. Armstrong ha utilizzato diversi argomenti, tra cui quello che richiedere informazioni dettagliate sulle transazioni di tutti i conti di un paese era una violazione aperta della privacy. Per sostenere la sua idea, ha affermato che anche altre società come Paypal o Citibank si rifiuterebbero di consegnare tutti i registri dei loro clienti.

Dopo sei mesi di confronto, l'IRS ha accettato una diminuzione radicale del volume di informazioni richieste a Coinbase. Tra le modifiche è stata l'eliminata la richiesta di informazioni di pagamento e configurazione di sicurezza, nonché l'eliminazione della richiesta di lettere di podere e minute aziendali collegati a terzi.

Tuttavia, Coinbase ha continuato a premere affinché il tribunale decidesse a suo favore, quindi l'IRS può accedere solo al 3% dei record della società. Questo, secondo il direttore delle comunicazioni di Coinbase, David Farmer, può essere considerato un trionfo, poiché sono stati protetti oltre 480.000 record di clienti. Inoltre, Farmer ha dichiarato che il volume di informazioni che devono essere inviate all'IRS su circa 14.000 clienti è molto inferiore rispetto alla richiesta originale.

Anche se Coinbase è riuscita a contenere le richieste, rimane che il governo degli Stati Uniti e la sua agenzia, l'IRS, continuerà a fare pressione suii grandi detentori di Bitcoin, cercando di "dare l'esempio" per scoraggiare, altri utenti a utilizzare la criptovaluta all'interno delle tue strategie di ingegneria fiscale.

Forse la cosa più pericolosa è che, se un cittadino degli Stati Uniti decide di investire in Bitcoin per quanto possibile lontano dall'ambito di IRS, per esempio in mercati come Hong Kong, Corea del Sud e Giappone, rimane la paura che l'IRS, come fece un decennio fa, con le banche tradizionali, costringa  le aziende che lavorano con la criptovaluta a fornire i dati privati ​​dei loro clienti.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

Mercoledì, 27 Settembre 2017 16:02

Quali sono le cripto valute più affidabili?

cripto monetaL'uso di cripto valute continua ad espandersi. Oggi, l Bitcoin, creato nel 2009, rimane la moneta digitale più utilizzata, ma non è l'unica che ha realizzato una crescita significativa negli ultimi anni.

Secondo la rivista Forbes, il valore totale del mercato delle crypto-valute è attualmente quotato a 95 miliardi di dollari ed è prevedibile che questo valore continuerà a crescere. Prendiamo in considerazione, solo per citare due esempi, l'aumento del valore dei Bitcoins. Nel 2012 si poteva comprare un Bitcoin per 30-40 euro, oggi la variazione è di circa 3700 euro per bitcoin. Qualcosa di simile avviene con un'altra delle cripto valute più riconosciute, l'Etereum, che è passato da un prezzo di 0,30 euro nel 2015 alla quotazione di oggi, che è di 300 euro per Etereum.

Le cifre sono eloquenti e indicano che le cripto valute modificheranno in modo definitivo il modo di realizzare le transazioni finanziarie e già ad oggi piattaforme leader di mercato come il portafoglio elettronico PAYOPM accettano il Bitcoin; tuttavia, rimangono dubbi circa la legittimità di queste cripto valute, partendo soprattutto da una dei suoi grandi vantaggi: l'anonimato, dato che è molto difficile seguire il percorso delle transazioni, né è possibile sapere chi riceve la cripto valuta; Inoltre, le transazioni non possono essere bloccate. Prima di tutto, è opportuno sapere quali sono le cripto valute più affidabili in esistenza dato che si tratta in un mercato che vede nascere almeno due nuove cripto valute al giorno.

Bitcoin: creata nel 2009, è la cripto valuta di maggior valore e la più utilizzata.

Litecoin: ha cominciato ad essere utilizzata nel dicembre 2013. È la seconda cripto valuta di maggior valore. Utilizza lo scrypt come un test di sistema di lavoro e blocca i blocchi ogni 2,5 minuti anziché ogni 10 come i Bitcoin.

Peercoin: creata nel 2012. È attualmente la terza cripto valuta con la capitalizzazione più grande con un valore di 8,2 milioni di dollari.

Namecoin: nata nel 2011. Funziona attraverso un DNS decentralizzato che evita la censura dei nomi di dominio Internet, creando un nuovo dominio al di fuori del controllo di ICANN.

Feathercoin: nata come clone del Litecoin nell'aprile 2013, con licenza MIT / X11. Utilizza lo scrypt come un sistema di test di lavoro.

Primecoin: nata ad agosto 2012. Utilizza un sistema misto di test di lavoro e test di partecipazione.

Ethereum: creata nel luglio del 2015. Il suo concetto è quello di offrire piccole applicazioni decentrate o contratti intelligenti nella catena di blocchi.

Dogecoin: basato in scypt.

Coinye: basato in scypt.

Titcoin: basato in scypt.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

 

Mercoledì, 27 Settembre 2017 15:54

Le cripto valute sono il nuovo denaro?

cripto valuteNel 2009 pochi pensarono che i Bitcoin, una cripto moneta che appena stava per nascere, avrebbe avuto successo. Otto anni più tardi, la realtà è completamente diversa e sempre più aziende utilizzano varie delle diverse 700 modalità esistenti di cripto valute, a causa dei vantaggi multipli che offre questo modo nuovo e decentralizzato di concepire i soldi.

Che cos'è una cripto moneta? Possiamo pensare ad essa come a qualsiasi tipo di unità digitale, creata o ottenuta mediante calcolo matematico, il cui sistema è basato sulla rete e utilizzato come moneta di scambio o una forma di valore depositato digitalmente. Con una cripto moneta si possono effettuare acquisti e trasferimenti, come se fosse una moneta tradizionale, ma in realtà non esiste un denaro fisico, ma solo quello digitale.

Le cripto valute operano senza un'autorità centrale, quindi non vengono prodotte o sanzionate dalle banche centrali, né dai governi, così da non avere legami con le monete nazionali. Il suo valore non è determinato dalle fluttuazioni delle valute classiche, come l'euro, il dollaro statunitense o la sterlina inglese. Le transazioni con cripto valute possono essere effettuate a livello nazionale o internazionale, trasferendo importi tra due dispositivi, senza passare attraverso una banca che funge da mediatore.

Una transazione, ad esempio con Bitcoin, è un trasferimento di un importo tra due portafogli (o indirizzi). Le transazioni vengono trasmesse e confermate sulla rete attraverso un processo denominato mining, utilizzato per confermare e includere le transazioni nel blockchain, mantenendo un ordine cronologico e distribuendo il processo a varie apparecchiature informatiche.

Le cripto valute hanno importanti vantaggi rispetto ad altre valute. In primo luogo, la libertà nei pagamenti, poiché con esse è possibile inviare e ricevere qualsiasi quantità di denaro immediatamente da e per tutto il mondo. Non ci sono problemi di banche, orari, frontiere e non ci sono limiti fiscali. Poiché le cripto valute utilizzano il modello di rete "peer to peer" e non dispongono di un'autorità centrale, allora è impossibile bloccare i trasferimenti, né è possibile bloccare le cripto valute senza possedere la password appropriata.

Un altro importante vantaggio delle cripto valute riguarda il fatto che consentono l'anonimato, dato che la persona che possiede la cripto moneta è un utente unico con un identificatore univoco dal quale non è possibile conoscere i dati. Le quantità di cripto moneta in circolazione è limitata (il numero totale di Bitcoins è di 21 milioni), pertanto non vi è alcuna preoccupazione per l'inflazione.

La cripto moneta più riconosciuta al mondo è il Bitcoin, creata nel 2009; ma ce ne sono altre, come la Ether, che sta avendo grande crescita che utilizza un proprio rete blockchain o rete di gestione chiamata Etherum.

Quanto vale una cripto moneta? Nel caso del Bitcoin, i prezzi hanno raggiunto picchi di oltre 3700 euro per un singolo Bitcoin nell'estate di quest'anno. L'acquisto di un Bitcoin non è complicato, poiché diverse piattaforme (come Coinbase, Blockchain, Xapo) accettano dollari, sterline o euro in cambio di bitcoins; mentre un'altra delle cripto valute più usate, Etereum, è passata da un prezzo di 0,30 euro per un singolo Etereum nel 2015, al prezzo attuale di 300 euro per ogni Etereum.

Attualmente, le cripto valute continuano a generare dubbi, soprattutto a causa dell'anonimato che li circonda e che è stato utilizzato dai suoi detrattori per sottolineare che possono essere utilizzate in attività illecite; né è un segreto che le grandi banche centrali ei principali gruppi di pressione temano la diffusione delle cripto valute, perché le vedono come un'erosione ai loro centri di potere; tuttavia, è sempre più evidente che il suo uso si sta espandendo in tutto il mondo. Oggi, il portafoglio elettronico PAYOPM opera già con Bitcoin, insieme ad altre valute tradizionali. Inoltre, ristoranti, hotel, concessionari, agenti immobiliari e negozi accettano il pagamento in cripto valute, in particolare con Bitcoins.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

controllo contantiLe autorità degli Stati Uniti ancora una volta ricorrono alla scusa della presunta lotta contro il riciclaggio di denaro sporco, per rafforzare ulteriormente la sorveglianza sulle finanze digitali dei propri cittadini.

Il caso più recente di tale pressione v'è nella legge 1241 che analizza il Senato e che riempirebbe gli statunitensi di controlli finanziari e regolamenti che disciplinano l'uso di valute digitali (con l'accento sui Bitcoin).

Cosa propone la legge? Quei viaggiatori che trasportano più di 10 mila dollari in beni, anche quelli che sono tenuti in forma digitale, come Bitcoin, devono compilare un rapporto. In altre parole, il governo vuole ricevere il permesso di investigare su tutti i vostri beni (conti bancari, includendo tra gli altri cassette di sicurezza, carte prepagate, carte regalo, telefono cellulare prepagato, buoni prepagati, crypto valute).

Coloro che si rifiutano di conformarsi a questa controversa legge potrebbero ricevere dure condanne, che vanno dalla revisione completa di tutti gli attivi (non solo quelli non dichiarati) e la condanna includerebbe fino a 10 anni di pena detentiva.

Se si considera che i beni digitali vanno sempre con il viaggiatore, quindi, in teoria, il cittadino americano che lascia il paese dovrebbe sempre segnalare il proprio portafoglio di cryptovalute alle autorità.

La legge 1241 ha ricevuto forti critiche, poiché molti la vedono, a ragione, come un rafforzamento delle leggi già esistenti che includono che, se si sbaglia a completare il modulo, la pena detentiva sarebbe di 5 anni. Ora sarebbe il doppio.
S
U
P
P
O
R
T
O