Come funzionano le società offshore?

Vota questo articolo
(0 Voti)
societa offshore 1Il termine società offshore significa una determinata entità registrata in un paese straniero considerato paradiso fiscale, che però sviluppa i suoi affari fuori da questa giurisdizione. Tra i principali vantaggi che offrono queste società e che le convertono in strumenti attraenti per persone di tutto il mondo riguarda il fatto che sono facili da creare, o meglio, ci sono poche pratiche burocratiche per formarla, attraverso di esse è possibile ridurre la pressione fiscale e proteggere meglio i propri beni.

I paesi dove di solito vengono create le società offshore rispettano la privacy e difficilmente rispondono alle richieste dei tribunali stranieri. Formare una società offshore è un processo semplice che richiede solo un paio di giorni, non c'è bisogno di aprire uffici o di assumere dipendenti. A volte non è nemmeno necessario avere un vero e proprio proprietario, altrimenti collocare un fiduciario oppure una società come azionista.

Le società offshore, essendo registrate in paradisi fiscali, non pagano le tasse in quelle giurisdizioni, perché operano all'estero. Così, attraverso questo meccanismo giuridico del tutto legale, è possibile ridurre il carico fiscale.
Come funziona una società offshore? Diciamo ad esempio che una società produce limoni in Guatemala e li vende in un supermercato in Italia. Per fare questo dispone di tre aziende, tutte di proprietà: quella che produce limoni, registrata in Guatemala, un altra che vende, registrata in Italia e una terza, una società offshore costituita in un paese senza tassazione, come Panama.

Quindi l'azienda che produce i limoni afferma che una cassa ha un costo di produzione di USD 100 e lo vende per USD 100, alla società offshore. Pertanto, la società di produzione non registrerà profitti in Guatemala e quindi non deve pagare le tasse. Quindi, la società offshore vende la cassa di limoni di USD 400 alla società che commercializza tali limoni, in Italia. L'ultima impresa dichiara di aver venduto i limoni nel supermercato, a USD 400, e non avendo dunque alcun profitto, non dovrà pagare le tasse in Italia. Nel frattempo, i USD 300 che ha guadagnato la società  con la scatola di limoni sono stati registrati nella società offshore a Panama, che, svolgendo attività all'estero (in questo caso, Guatemala e Italia) non paga le tasse.

Per la legge italiana, creare una società offshore non è un delitto, ma se non la si dichiara, allora si può incorrere in una violazione delle leggi fiscali. Secondo l'Agenzia delle Entrate, molti ricorrono ai paradisi fiscali, per risparmiare sulle tasse, dedurre le spese, evitare i creditori o per non vedersi esposti alle richieste degli ex coniugi.
S
U
P
P
O
R
T
O