Evasione: bastano 2mila euro e a Panama si evitano le tasse

La Provincia di Como

Evasione: bastano 2mila euro e a Panama si evitano le tasse
 
COMO - «Con 2mila euro si può aprire una società anonima a Panama e non pagare più tasse per tutte le attività svolte all'estero, in Italia o in un altro Paese. Siamo in grado di fornire anche Master Card anonime, così da poter prelevare contanti o effettuare spese in tutta libertà».

societa di panama
Palazzo dei Congressi di Lugano pieno ieri, con professionisti provenienti da tutta Italia, per assistere al seminario sui paradisi fiscali. Il patron dell'iniziativa, Giovanni Caporaso, titolare della Opm Corporation, società di consulenza fiscale con sede a Panama, va dritto al sodo e spiega che «eludere le tasse è assolutamente legale», basta ovviamente sapere come fare: «Per mantenere l'anonimato della società si stipula una scrittura privata, mentre il board lo mettiamo noi».
In altre parole, come si apprende dal sito della Opm paradisifiscali.org, la sua società mette a disposizione dei prestanome, che figureranno negli atti pubblici, mentre la scrittura privata permetterà di disporre della società a colui che sarà il vero proprietario, ma il cui nome comparirà solo in una carta sigillata in cassaforte. Come fare poi ad operare? Ad esempio attraverso il gioco dei doppi nomi: «Si tratta di incorporare due società con lo stesso nome, una in un paradiso fiscale ed una in un paese a bassa tassazione e senza grandi controlli (Svizzera, Repubblica Dominicana, ecc.). La prima apre i conti in banca, ovvero maneggia il capitale. La seconda è quella di facciata, che fattura, questa si costituisce in un paese dove non ci sono grandi controlli fiscali e dove gli azionisti non hanno né proprietà né conti in banca. La seconda fattura, per esempio ad una società italiana, ma quando vengono forniti gli estremi del pagamento si dà il numero di conto della prima società. In caso di controlli non insospettisce una fattura di un paese che non è nelle liste nere della Finanza e nessuno può sapere che il conto è realmente intestato alla Corp. di Panama che non ha nulla a che fare con l´omonima società. Logicamente, quando questo sistema viene usato per evadere le tasse è illegale, ma è legale se viene utilizzato per la protezione del capitale».
Difficile dire quale sia il confine tra «protezione del capitale» e illegalità, certo è che la Opm promette con 2mila euro: l'apertura di una società anonima a Panama, nelle Seychelles, in Belize, nel Delaware o nel Wyoming; la dotazione di una Master Card anonima; l'apertura di un conto corrente a Panama, Cipro o in Svizzera, con la specifica che per il Paese elvetico è stato scelta «una banca che ha adottato misure di sicurezza anti fuga di liste»; viene inoltre fortemente caldeggiata l'apertura di un sito internet perché «la presenza virtuale vi permette di dimostrare che l'impresa esiste realmente»; viene infine suggerito un sito per avere telefonini anonimi. Insomma il kit del perfetto elusore fiscale, solo un passo di qua dalla linea di demarcazione che separa il lecito dall'illegalità. E la formula pare riscuotere successo: «Io opero - afferma Caporaso - prevalentemente su Panama, ma seguiamo anche società che operano in Paesi dell'Unione Europea, come Cipro. Il mio giro d'affari? Superiore ai mille clienti».
Luca Marchiò
S
U
P
P
O
R
T
O