Fondazioni e Trust /1

firma2Le Fondazioni Private vs Trust /1
 
Le Fondazioni sono uno strumento atto alla protezione di grandi capitali o a pianificare l'asse ereditario. Le Fondazioni sono uno strumento molto simile al trust anglosassone (vedere gli svantaggi dei Trust nell'articolo al link in fondo pagina) ma più amplio e con meno restrizioni, di gran lunga superiore in termini di protezione dei capitali e pianificazione ereditaria.  La cosa più interessante é che le Fondazioni di interesse Privato anche se costituite in un Paradiso Fiscale non sono inserite nella Black List e quindi le fatture sono perfettamente scaricabili dalle imposte. La limitazione é che le Fondazioni non possono avere attività commerciali continuate o stabili.
Costituire una Fondazione privata a Panama costa 2,500 Euro. Si costituisce con uno Statuto che individui con chiarezza il patrimonio devoluto (di valore non inferiore a USD 10.000), nonché i criteri di nomina dei beneficiari della Fondazione, tra i quali può essere certamente compreso il Fondatore. Vi é un assoluto anonimato riguardo a coloro che traggano benefici dal patrimonio dell' ente; tale segretezza non viene scalfita neppure dalla dichiarazione annuale dei redditi, che non è richiesta. Infatti, qualora i beni compresi nel patrimonio, siano ubicati al di fuori del territorio panamense, come usualmente avviene, la legislazione tributaria qualifica la Fondazione come "società offshore", godendo, pertanto, della totale esenzione dalle imposte sui redditi di fonte estera. Se si valuta poi la presenza di un segreto bancario inderogabile a favore di autorità straniere, l' assenza di trattati sottoscritti con altri Paesi, ai fini dell' assistenza legale, possiamo definire Panama "un paradiso fiscale e bancario". É importante ricalcare che aprire un conto bancario a Panama non é facile ed é necessaria la presenza del titolare del conto.
Panama ha un nuovo e vantaggioso regime di Fondazioni di Interesse Privato (Legge Nº25 del 12 giugno 1995) soggetto a rigide norme di segretezza e che può essere utilizzato come effettivo strumento di pianificazione fiscale, evitando ingombranti processi di successione ed ottenendo una effettiva separazione dei beni; inoltre gode di una flessibilità di operazioni e controlli attraverso un fedecommesso revocabile e privato ed un Consiglio di Fondazione che può essere formato da una (1) persona giuridica o tre (3) persone fisiche. L’iniziativa di creare la legge sulle fondazioni di interesse privato nella Repubblica di Panama sorge a seguito della popolarità acquisita in Europa, specialmente delle fondazioni familiari create nel Principato di Liechtenstein. Tuttavia, una volta analizzata la legge del Liechtenstein, i redattori del progetto preliminare della legge panamense compresero che questa era insufficiente rispetto a quello che si pretendeva nella Repubblica di Panama: un nuovo gruppo di regole, moderne e complete, che reggessero questa nuova istituzione giuridica. In questo senso, vediamo che anche quando esiste una certa similitudine con la legge del Liechtenstein, esistono sempre un certo numero di articoli nuovi che, a nostra opinione, rendono più attraente la legge panamense a chi sia interessato.
Una delle differenze di base è che la legge panamense non fa distinzione tra le fondazioni familiari e le cosiddette fondazioni miste, questo ha determinato il motivo principale del cambio di nome della legge. Infatti, in Panama è stata utilizzata l’espressione “Fondazioni di interesse privato” con l’idea di includere sia le fondazioni familiari che le miste, dato che i redattori della legge panamense non videro nessuna ragione di fare tale distinzione. Altra differenza, é il valore monetario della quantità minima di attivi che la legge esige per poter costituire una fondazione, l’imposta annuale e l’adozione espressa della figura del “protettore”, la quale è ampiamente usata nei fedecommessi anglosassoni. A differenza della legge del Liechtenstein, la nostra legislazione non esige la nazionalità panamense per essere membro del Consiglio di Fondazione, né esige che il capitale minimo per la costituzione di una fondazione sia apportato precedentemente alla costituzione ed organizzazione di questa. Risulta chiaro anche che non c’è spazio per gli “eredi forzati” che cerchino di attaccare con esito la validità della fondazione o la volontà del fondatore. In questo contesto, le fondazioni di interesse privato serviranno principalmente a quegli individui che necessitino un’effettiva struttura fiduciaria per un’ordinata successione e disponibilità dei propri beni e valori agli eredi dopo o prima della propria morte, mantenendo però, allo stesso tempo, il totale ed effettivo controllo dei suddetti beni mentre sia vivo.
L’iniziativa di creare la legge sulle fondazioni di interesse privato nella Repubblica di Panama sorge a seguito della popolarità acquisita in Europa, specialmente delle fondazioni familiari create nel Principato di Liechtenstein.
Tuttavia, una volta analizzata la legge del Liechtenstein, i redattori del progetto preliminare della legge panamense compresero che questa era insufficiente rispetto a quello che si pretendeva nella Repubblica di Panama: un nuovo gruppo di regole, moderne e complete, che reggessero questa nuova istituzione giuridica. In questo senso, vediamo che anche quando esiste una certa similitudine con la legge del Liechtenstein, esistono sempre un certo numero di articoli nuovi che rendono più attraente la legge panamense.
In questo contesto, le fondazioni di interesse privato serviranno principalmente a quegli individui che necessitino un’effettiva struttura fiduciaria per un’ordinata successione e disponibilità dei propri beni e valori agli eredi dopo o prima della propria morte, mantenendo però, allo stesso tempo, il totale ed effettivo controllo dei suddetti beni mentre sia vivo. Il concetto o idea di fondazione, anche se non molto conosciuto, si può anche applicare a beneficio di un singolo o di una famiglia, o anche per perseguire un obiettivo sociale determinato, in una scala più modesta e limitata. Queste ultime sono quelle che si conoscono come fondazioni di interesse privato o fondazioni private. Le “fondazioni di interesse privato” si possono quindi definire come dotazione o donazione di un patrimonio per perseguire degli obiettivi, o fini, determinati in un documento denominato “Atto di Fondazione”. Una fondazione di interesse privato è una entità legale, con un proprio nome ed organizzazione interna, principalmente di interesse privato, secondo quanto disposto dall’atto di fondazione. Per il raggiungimento degli scopi della fondazione si incaricano delle persone denominate membri del “Consiglio di Fondazione” che svolge le funzioni di una Giunta Direttiva, i cui nomi dovranno risultare dall’atto di fondazione.
La fondazione di interesse privato ha una forma simile alla società anonima, con una propria personalità, però con la flessibilità di operare e perseguire i propri obiettivi attraverso un mandato o regolamento nella forma di un fedecommesso revocabile e privato (revocable private trust), che unicamente lo conosce e lo può dare a conoscenza il fondatore.
Come strumento di pianificazione familiare o testamentaria, la fondazione privata è molto simile al fedecommesso o “trust”, con la differenza che il fondatore no dovrà trasferire il titolo di proprietà dei beni a nome di un fiduciario o “trustee”.          
A differenza di una società anonima o altra entità corporativa, la fondazione privata non potrà avere fini commerciali, non ha soci, partecipanti o azionisti, ma per esempio, potrà essere proprietaria di  azioni di una o più società anonime ed eventualmente distribuire i dividendi tra i beneficiari della fondazione, secondo le istruzioni del fondatore.
Ora per rimanere anonimi ed essere garantiti come Fondatore, quello che si può fare é inserire una società anonima come fondatrice della Fondazione, in modo tale che il nome del beneficiario rimane anonimo al 100%.  Si può anche nominare il beneficiario come Protector (protettore) con poteri illimitati.
Rimane la limitazione del profilo "non commerciale" della fondazione che in pratica non potrebbe effettuare operazioni commerciali a fini di lucro. É però importante risaltare che la Legge 25, nel suo Articolo 3 specifica che le fondazioni potranno effettuare operazioni commerciali "in modo non abituale". Questo significa in pratica che possono effettuare operazioni commerciali non continuative sempre che siano allo scopo di promuovere i fini della fondazione. Quindi, in pratica, se per esempio creiamo una fondazione per lo sviluppo dell´internet, la stessa potrà offrire servizi gratuiti relazionati a questo obiettivo e farsi pagare donazioni per servizi ben specifici (per esempio offrire un servizio di ricerca informazioni gratuito e ricevere donazioni in cambio di pubblicità). In sintesi emettere fatture per donazioni, corsi o servizi. Dobbiamo anche tener presente che le autorità di fiscalizzazione sono quelle panamensi e non quelle estere, e che nessuno a Panama andrà ad indagare cosa fa una Fondazione che opera all´estero. É chiaro che quanto abbiamo esposto comporta delle limitazioni commerciali, ma é ovvio che in certi determinati casi l´uso della fondazione può sostituire o integrare quello di una società anonima, per esempio per un particolare contratto o servizio.
Vediamo, quindi, che la fondazione di interesse privato ha molti usi reali e pratici per tutte quelle persone interessate in un effettivo strumento di pianificazione fiscale e testamentaria, e, dato che è uno strumento permanente o perpetuo, offre la possibilità di fissare e continuare per lungo tempo, anche dopo la morte del fondatore, le idee e gli obiettivi determinati che questa persona ha in mente rispetto al suo capitale o al suo patrimonio in modo separato ed indipendente. Questo offre all’interessato possibilità e vantaggi non ottenibili con una società anonima o con il semplice possesso di un deposito o un conto bancario o incluso di un conto cifrato in qualche banca, vantaggi questi che potrebbero anche essere di beneficio alla banca stessa nei suoi servizi o amministrazione del portafoglio degli investimenti, dato che sarebbe garantita la costanza e la continuità dell’ investimento o del cliente, indipendentemente dalla vita delle persone fisiche.
Altro grande vantaggio é che attraverso la fondazione privata si potrà effettuare un’effettiva separazione di tutto o parte del patrimonio, o beni, del fondatore e garantire una completa e totale autonomia ed indipendenza del suddetto patrimonio o beni.
Di conseguenza, il patrimonio ed i beni apportati alla fondazione non potranno essere sequestrati o confiscati giudizialmente o essere oggetto di litigi che coinvolgano il fondatore (come ad esempio in un divorzio o un litigio per gli alimenti del coniuge o dei figli), ad eccezione che si tratti di obbligazioni relazionate con il corso normale delle attività della propria fondazione o come conseguenza di possibili danni e pregiudizi occasionati dalla fondazione nel perseguire i suoi obiettivi, ma in nessun caso la fondazione sarà responsabile o dovrà rispondere per le obbligazioni personali del fondatore o dei beneficiari o viceversa il fondatore o i beneficiari per le obbligazioni della fondazione.
Ad esempio, vediamo che la fondazione privata può essere un’ effettivo strumento di prevenzione della eredità forzata quando il fondatore ha una ragione particolare o personale per impedire che i suoi eredi legali beneficino della sua eredità o patrimonio dopo la sua morte.
Inoltre gli onorari e le tasse relativi alla costituzione una Fondazione privata a Panama sono  indubbiamente economici e si ripagano con la prima operazione effettuata.
 
Alcuni vantaggi che offrono le fondazioni di interesse privato panamensi
1. Separazione del patrimonio. Attraverso la fondazione privata si potrà effettuare un’effettiva separazione di tutto o parte del patrimonio, o beni, del fondatore e garantire una completa e totale autonomia ed indipendenza del suddetto patrimonio o beni.
2. Esistenza continua o permanente. La fondazione privata offre la possibilità di garantire ed assicurare l’esecuzione continua, per un periodo di tempo indefinito, dopo e più in là della morte del fondatore, delle idee e degli obiettivi che il suddetto fondatore aveva in mente in relazione al suo capitale o patrimonio.                                       
3. Istruzioni confidenziali. I requisiti e le informazioni che l’Atto di Fondazione deve contenere sono basici e semplici. Tutte le istruzioni impartite o che possano essere impartite dal fondatore durante la sua vita o appena prima della sua morte potranno essere contenute in uno o più documenti privati conosciuti solo dalle persone coinvolte e designate dal fondatore. Questi documenti generalmente hanno la forma del fidecommesso con chiare e specifiche istruzioni sulla destinazione da dare ai beni della fondazione durante la vita del fondatore o al momento della sua morte.
4. Segretezza assoluta. Il patrimonio o i beni apportati alla fondazione sono protetti da un’assoluta segretezza. Tutto il patrimonio ed i beni che siano stati apportati appartengono alla fondazione e qualsiasi informazione relativa al patrimonio o beni è segreta e riservata. I membri del Consiglio di Fondazione e/o qualsivoglia altro organo di supervisione e tutti gli impiegati pubblici o privati che vengano a conoscenza delle attività, transazioni ed operazioni della fondazione dovranno mantenere il segreto in qualsiasi momento. L’inadempimento di questa disposizione sarà sanzionata con una pena detentiva di un periodo di sei (6) mesi e multa fino a cinquantamila dollari (US $ 50.000), in aggiunta a qualsiasi azione civile per i danni ed i pregiudizi occasionati.
5. Non é richiesto il pagamento o il versamento del capitale. Il capitale o patrimonio iniziale della fondazione, o qualsiasi sua parte, non dovrà essere pagato o versato dal fondatore al momento della costituzione dell’Atto di Fondazione, o successivamente alla sua creazione, perché la stessa possa operare.
6.  Identità segreta dei beneficiari. L’identità dei beneficiari non si include nell’Atto di Fondazione, ma dovrà essere chiaramente stabilito il modo in cui questi beneficiari siano designati. I beneficiari potranno essere designati ed identificati in un documento separato, privato e segreto chiamato Regolamento.
Questo regolamento governerà l’amministrazione e tutti gli affari della fondazione, farà parte dell’Atto di Fondazione e costituirà un’ inserto segreto dello stesso. Il regolamento della fondazione non si dovrà iscrivere nel Registro Pubblico di Panama.
7. Il fondatore potrà mantenere il controllo totale del patrimonio. Il fondatore, essendo il principale beneficiario della fondazione nella maggior parte dei casi, mentre viva, potrà mantenere il controllo sul patrimonio o beni apportati alla fondazione.
8. Totale anonimato e patrimonio separato del fondatore. A differenza di una società anonima, la fondazione non ha azionisti, cosicché il fondatore, dopo aver organizzato la fondazione, non rimane in nessun modo relazionato al patrimonio apportato o alla  fondazione stessa, la quale acquisisce una  propria e separata personalità giuridica.
9. Consiglio di fondazione adeguato. La fondazione dovrà avere un Consiglio di Fondazione il quale potrà essere formato, da un minimo di tre (3) persone fisiche o una (1) persona giuridica o entità come una società anonima. Certamente niente impedisce che in aggiunta ad una persona giuridica o entità (società anonima) si nominino una o più persone giuridiche o entità e/o persona(e) fisica(che) in modo combinato.
10. Facilità di revoca o modificazione dell’atto di fondazione. In qualsiasi momento il fondatore potrà revocare o modificare tutto o in parte l’Atto di Fondazione o il Regolamento o sciogliere la fondazione.
11. Le Fondazioni estere potranno adottare la legislazione  panamense. Quelle fondazioni private organizzate e costituite d’accordo con la legislazione di altri paesi potranno adottare o scegliere di essere regolate o governate dalla legislazione panamense e continuare la loro esistenza sotto la nostra legislazione per qualsiasi periodo di tempo che reputino conveniente.
12. Facile ed illimitato aumento di capitale. Il capitale iniziale o patrimonio potrà essere aumentato di quando in quando a discrezione del fondatore, o di qualsiasi altra persona designata a tale effetto.
13. Assenza di controlli governativi. Non è necessario presentare alcun tipo di rapporto o informazione finanziaria, relazionata con la fondazione, alle autorità panamensi.
14. L’atto di fondazione potrà essere redatto in qualsiasi lingua. L’Atto di Fondazione e qualsiasi modificazione allo stesso si potrà redattare in qualsiasi lingua che abbia i caratteri dell’alfabeto latino.
15. Bassi costi ed organizzazione rapida. La fondazione potrà essere organizzata in un breve periodo di tempo ed a bassi costi convertendola in un effettivo e conveniente strumento di pianificazione fiscale e testamentaria.

Il seguente esempio costituisce uno dei multipli usi che una Fondazione Privata panamense può avere:
- Il cliente detta le istruzioni per costituire una fondazione privata panamense.
- La Fondazione Privata è rappresentata ed amministrata da un Consiglio di Fondazione che è leale al cliente attraverso un accordo di mandato o  fedecommesso.
- Il Consiglio di Fondazione eserciterà l’accordo privato di mandato o fedecommesso in assoluta segretezza ed esclusivamente secondo le istruzioni date dal cliente.
- Il Consiglio di Fondazione emetterà, in forma privata e segreta, il regolamento della fondazione con il quale si designerà il cliente come primo e principale beneficiario della fondazione.
- Il Consiglio di Fondazione aprirà un conto bancario e per mezzo di un documento privato e segreto concederà ampi poteri al cliente nella gestione di questo conto bancario o direttamente autorizzerà il cliente ad aprire e gestire un conto bancario in qualsiasi parte del mondo, a seconda di quello che si reputi conveniente. 

Costituzione della fondazione privata
Per costituire una fondazione privata, la persona designata come “fondatore” dovrà sottoscrivere un documento chiamato “Atto di Fondazione”. Questo Atto di Fondazione dovrà essere protocollato in atto pubblico ed iscritto nel Registro Pubblico di Panama. La fondazione privata potrà essere costituita in modo tale, che inizi ad entrare in vigore a partire dalla sua esistenza o data di iscrizione nel Registro Pubblico di Panama, o che produca suoi effetti dopo la morte del suo fondatore.
L’atto di Fondazione deve contenere come minimo, le seguenti informazioni:
1.       Nome
Come persona giuridica, con i corrispondenti diritti e doveri che questo comporta a livello legale, le fondazioni, come le società anonime, devono avere un nome. Di conseguenza, la legge è molto chiara all’Art Nº 5, Numero 1, quando dice che l’Atto di Fondazione deve contenere: “Il nome della fondazione espresso in qualsiasi lingua con caratteri dell’alfabeto latino, il quale non sarà uguale o simile a quello di un’altra fondazione preesistente nella Repubblica di Panama, e che non si presti a confusione. Il nome dovrà includere la parola fondazione per distinguerlo da altre persone fisiche o giuridiche di altra natura.” Come dire, il nome non potrà essere scritto in lingua cinese o giapponese o russo, dovrà quindi essere scritto in una lingua con caratteri dell’alfabeto latino ed includere la parola fondazione nel suo nome, chi la registra non dovrà preoccuparsi se il nome è già utilizzato da una società anonima, in quanto questa deve a differenza della fondazioni, includere nel suo nome, una parola, frase o abbreviazione indicante che si tratta di una società anonima. Di conseguenza, le fondazioni private avranno una sezione propria nel Registro Pubblico di Panama, con un loro indice.
2.       Il patrimonio iniziale della fondazione espresso in qualsiasi moneta a corso legale, che in nessun caso sarà inferiore ad una somma equivalente a diecimila dollari (US$10.000). È importante far notare che per motivi di discrezione e riservatezza, in molte occasioni, i fondatori creeranno la loro fondazione privata con il capitale minimo stabilito dalla legge, che è di diecimila dollari (US$10.000). Una volta costituita, si potranno apportare altri soldi e beni. In questo modo non risulterà nel Registro Pubblico il reale capitale o patrimonio della fondazione, dato che in alcuni casi, il fondatore preferisce che questa somma non sia portata a conoscenza del pubblico. In aggiunta a quanto detto in precedenza, bisogna dire che i diecimila dollari (US$10.000) non devono essere apportati prima della costituzione della fondazione come esigono, ad esempio, le leggi del Principato di Liechtenstein, ma, al contrario possono essere apportati successivamente. Comunque, la legge stabilisce che una volta il fondatore si sia impegnato ad apportare determinati beni ad una fondazione, questa ed i beneficiari hanno il diritto di esigere dal fondatore l’adempimento del suo impegno.
3.       La nomina, in forma completa e chiara includendo l’indirizzo, del membro o dei membri del consiglio di fondazione al quale potrà appartenere il fondatore. Il Consiglio di Fondazione è l’organo della fondazione incaricato, tra le altre cose, di amministrare i beni della fondazione, seguendo le regole e gli obiettivi della persona che ha creato il patrimonio, cioè, il fondatore. Il Consiglio di Fondazione è un organo molto simile alla Giunta Direttiva della società anonima. Il Consiglio di Fondazione deve essere formato da un minimo di tre (3) persone se sono persone fisiche, o solo una (1), se è una persona giuridica, come potrebbe esserlo una società anonima o una banca.  Con il desiderio di dar tutta la serietà possibile alla nostra legislazione, si è espressamente sollecitato che si includa nell’atto di fondazione, non solo il nome, ma anche gli indirizzi dei membri del Consiglio di Fondazione in modo tale che le autorità sappiano chi indagare nel caso la fondazione fosse utilizzata per fini illeciti. Per finire, è importante far notare che niente impedisce al fondatore di essere membro del Consiglio di Fondazione e di stabilire nell’atto di fondazione che tutte o certe decisioni del Consiglio di Fondazione, debbano essere adottate all’unanimità, assicurandosi così che nessuna decisione importante venga approvata senza il suo consenso.
4.       Domicilio della fondazione
5.       Per le agevolazioni fiscali offerte dalla nostra legislazione, in quasi tutti i casi il domicilio della fondazione sarà stabilito nella Repubblica di Panama, anche qualora la fondazione svolga le sue attività all’estero.
6.       Il nome ed il domicilio dell’agente residente della fondazione nella repubblica di Panama.
7.       I fini della fondazione
8.       Il modo in cui si nomineranno i beneficiari della fondazione
9.       La riserva del diritto di modificare l’atto di fondazione quando lo si consideri utile
10.     La durata della fondazione
11.     La destinazione dei beni della fondazione e come liquidare il suo patrimonio, in caso di scioglimento.
12.     Qualsiasi altra clausola lecita che il fondatore ritenga conveniente

La Fondazione Privata a Panama é un istituto legale poco conosciuto e sotto utilizzato per la pianificazione fiscale. La scarsa utilizzazione dello stesso, deriva dal fatto che si tratta di una entità relativamente recente, introdotta nella normativa civilistica - fiscale panamense solo nel 1995, con la legge n. 25, alla quale è stata data attuazione con il decreto n. 417.
La Fondazione Privata di diritto panamense presenta caratteristiche similari al  trust  di origine anglosassone, ma che possiede, contestualmente, delle peculiarità, che lo rendono autonomo giuridicamente e degno di una trattazione specifica. É un ente dotato di personalità giuridica, al quale viene affidato dal suo fondatore (founder) un patrimonio (Foundation Fund), da amministrare secondo le modalità contenute nello Statuto della Fondazione (Foundation Charter), con lo scopo di perseguire gli obiettivi ivi stabiliti. La Fondazione può allora essere reputata come "un patrimonio munito di personalità giuridica" e tale profilo la rende paragonabile ad una società di capitali, benché presenti "formalmente" delle limitazioni in merito all' "oggetto sociale". Oltre allo Statuto, deve essere redatto un Regolamento, non soggetto però a pubblicazione e, quindi, ad esclusiva evidenza interna, nel quale andranno inserite le disposizioni relative all' amministrazione dei beni conferiti, nonché le modalità di distribuzione del patrimonio ai beneficiari, che possono qui, contrariamente allo Statuto, essere nominati. La legislazione prevede che le disposizioni statutarie e regolamentari siano irrevocabili; tuttavia, è possibile che il fondatore si riservi il diritto di modificare quanto stabilito, a patto che tale clausola compaia nello Statuto o, rispettivamente, nel Regolamento (che puó facilmente essere retrodatato).
Lo scopo principale dell' ente non può essere (in teoria) "profit oriented": la costituzione deve essere sorretta da un intento non lucrativo (pianificazione successoria, scopi familiari, educativi, assistenziali...) e, qualora l' autorità giudiziaria locale rinvenga un motivo fraudolento, potrà essere dichiarato nullo l' atto costitutivo dell' ente, in quanto contrario alla legge, e quindi sciolta la Fondazione. Nella prassi applicativa, é comunque invalso l' uso di servirsi di tale ente come "holding". Infatti, é consentito lo svolgimento di attività collaterali a quella principale, che possono essere di tipo commerciale (amministrazione e partecipazioni societarie, attività immobiliari, gestione di operazioni finanziarie, ecc.), a condizione che i profitti ricavati (che é facile non dichiarare) siano reinvestiti per il perseguimento dello scopo principale, che, come abbiamo visto, é sufficiente non "risulti" essere lucrativo. La Fondazione è gestita da un Consiglio di Fondazione (Foundation Council), composto da tre membri, se persone fisiche,o, alternativamente, da una persona giuridica (società), di qualsiasi nazionalità o residenza. Qualora siano tutti stranieri, occorre un rappresentante domiciliato a Panama, specificato nello Statuto, che normalmente é l´ avvocato locale. Il Consiglio assume la rappresentanza legale dell' ente ed è responsabile del perseguimento dello scopo prefissato, dello svolgimento delle attività elencate nello Statuto e inserite dettagliatamente nel Regolamento. Ha, inoltre, l' incombenza di tenere informati i beneficiari della situazione patrimoniale, corrispondere i redditi di loro spettanza e deve adempiere a tutti gli obblighi secondo la clausola generale della "diligenza del buon padre di famiglia". Il Fondatore può riservarsi nello Statuto il diritto personale, o di terzi, alla nomina di nuovi membri nel Consiglio, quando cessino lo svolgimento delle funzioni, o di esclusione e sostituzione di quelli in carica. Quindi anche in questo caso é di prassi chiedere la rinuncia del Rappresentante Legale. Il Fondatore, ha la facoltà di nomina di un Protector (organo di sorveglianza), che agirà nei limiti stabiliti dallo Statuto e dal Regolamento, al fine di vigilare sull' attività del Consiglio di Fondazione ed evitare sviamenti dagli scopi sanciti nell' atto costitutivo, con l' obbligo di riferirne al Fondatore. Dal momento che la Fondazione è un ente dotato di un´ autonomia patrimoniale perfetta, i beni conferiti divengono di proprietà della stessa, non potendo essere confusi con quelli personali del Fondatore o dei membri del Consiglio. Da qui alcune conseguenze importanti: delle passività che si vengano a creare, ne risponde verso i creditori solo la Fondazione, non il Fondatore o i membri del Consiglio; solo i creditori della Fondazione potranno compiere atti cautelativi riguardanti i beni dell' ente, a tutela delle obbligazioni contrattuali o extracontrattuali scaturiti dall' amministrazione della Fondazione stessa.
In nessun caso, tali beni possono essere aggrediti dai creditori personali del Fondatore, dei membri del Consiglio, dei beneficiari; solo nel caso in cui, i creditori del Fondatore, siano in grado di dimostrare l' intento fraudolento della devoluzione dei beni mobili o immobili all' ente, fatta al momento della costituzione o successivamente, e il pregiudizio arrecato alle loro fondate pretese, potranno avviare un’azione legale contro il patrimonio della Fondazione, se si riveli insufficiente quello personale del debitore-Fondatore. A tal fine, la legislazione panamense, impone l' esercizio dell' azione di escussione entro tre anni dalla data di costituzione della Fondazione o dalla data del trasferimento di proprietà. 

Ordinare   una fondazione panamense

Fondazioni  1  -  2

S
U
P
P
O
R
T
O