Investire nel mercato immobiliare in spagna

Investire nel mercato immobiliare in spagnaAll’interno dell’Europa, gli Italiani sono tra i principali acquirenti di immobili sul mercato straniero: occupano il secondo posto dopo i Tedeschi, prima dei Francesi e degli Inglesi, con un totale di 42.300 immobili acquistati all’estero nel 2013, ovvero il 6,3% in più rispetto a quelli dell’anno precedente. Per la fine del 2014 si prevede un ulteriore incremento: circa 45.000 immobili acquistati all’estero. Questo significa che, nell’arco degli ultimi dieci anni, il mercato degli investimenti immobiliari all’estero degli Italiani è più che raddoppiato. Le cause di questo fenomeno vanno ricercate nelle tasse sempre più pesanti imposte dallo Stato sulle seconde case, ma non solo: mancano infatti in Italia immobili con caratteristiche ottimali nelle zone di principale interesse turistico, nelle vicinanze del mare o in montagna.
Se consideriamo i Paesi verso cui si orientano principalmente gli Italiani che decidono di investire sul mercato immobiliare straniero, indubbiamente la Spagna è uno di questi. All’interno dei Paesi dell’Europa, infatti, la Francia e la Grecia stanno registrando un calo degli acquisti sul mercato immobiliare, da parte di investitori italiani. Al contrario in Spagna, oltre che in Gran Bretagna, gli investimenti degli Italiani sul mercato immobiliare negli ultimi anni sono significativamente aumentati.
Investire sul mercato immobiliare in Spagna rappresenta un’ottima opportunità per gli Italiani che sono alla ricerca di una casa al mare di buona qualità, ad un prezzo migliore rispetto a quello offerto dal mercato italiano. Mediamente gli italiani spendono, per l’acquisto di un’immobile sul mercato straniero circa 130 mila euro; anche se è in aumento il numero di coloro che decidono di investire più di un milione di euro, per l’acquisto di immobili di ottima qualità e con una posizione ottimale.
Lungo la costa catalana della Spagna, è possibile acquistare immobili che godono di una magnifica ubicazione a prezzi competitivi, in un regime fiscale più agevole rispetto a quello italiano. Con un investimento inferiore ai 2.200 euro al metro quadrato, si possono infatti acquistare appartamenti di qualità nelle località balneari di Cadaques e Lloret del Mar.
È possibile acquistare immobili a prezzi più che vantaggiosi anche in alcune delle località turistiche più alla moda, famose per essere il fulcro della vita notturna e della movida spagnola. Ad esempio nell’arcipelago delle Baleari, nelle isole di Formentera e Maiorca, i prezzi degli immobili sono fortemente in ribasso: per una casa vicino al mare si possono spendere tra i 4.000 e i 6.500 euro al metro quadrato. Facendo un confronto con gli anni passati, oggi si registra un ribasso sul prezzo degli immobili che arriva fino al 35%.
Per quanto riguarda le tasse sul mercato immobiliare, il governo della Spagna ha istituito un’Imposta sugli Immobili (IBI) simile a quella in vigore in Italia: si tratta di una tassa statale, che oscilla tra lo 0,4% e l’1,1% del valore catastale dell’immobile. In Spagna ad occuparsi della gestione e della riscossione delle imposte sono i Comuni: per questo motivo gli importi da pagare e le scadenze non sono fissi in tutte le località.
S
U
P
P
O
R
T
O