Investire in Guinea Bissau, una porta aperta in Africa

pic 5269 5070In un contesto così complicato per l’Africa, a causa dell’epidemia di ebola, molti ci pensano due volte prima di investire in Guinea Bissau. In realtà questo Paese ha preso delle misure molto serie per evitare che la suddetta malattia mortale entri nel suo territorio, per cui non è per nulla rischioso investire in Guinea Bissau, considerate le enormi potenzialità di questa nazione africana.
Tra le misure adottate dal governo, vi è stata la chiusura totale della frontiera con la Guinea-Conakry, il Paese in cui ha avuto inizio l’espansione dell’ebola. Le autorità hanno creato centri di trattamenti speciali in varie località del Paese, per detenere ogni tipo di minaccia da parte del virus. Le misure hanno funzionato, per cui investire in Guinea Bissau continua ad essere un’opportunità interessante.
Le principali importazioni della Guinea Bissau continuano ad essere i derivati raffinati del petrolio, i cerali e e le apparecchiature elettriche, provenienti principalmente dal Senegal, dall’India e dal Portogallo. Invece il prodotto d’esportazione più importante della nazione è stato di nuovo l’anacardio.
L’economia della Guinea Bissau avrà un aumento, nel 2014, di circa 2,5%. Si tratta di un´’economia fondata sull’agricoltura e sulla pesca, ma gli esperti hanno identificato anche altri settori in cui si può investire in Guinea Bissau. L’agricoltura rappresenta più dei due terzi del PIL; quasi tutta la superficie agricola è destinata alla coltivazione dell’anacardio. Quest’attività dà lavoro al 95% della popolazione della Guinea.
Grazie ai progetti di investimento in Guinea Bissau, la produzione di anacardi ha continuato a crescere, a partire dall’introduzione di nuovi stabilimenti per la lavorazione del prodotto. Nonostante ciò, quando prendono in considerazione le possibilità di investire in Guinea Bissau, gli analisti avvisano che esistono degli ostacoli, specialmente per una regolamentazione della proprietà del suolo poco trasparente e per la scarsità di tecnologie moderne.
Una delle fonti d’entrata più importanti e che attrae gli stranieri ad investire in Guinea Bissau, è l’industria della pesca. Non si tratta di un’industria molto sviluppata all’interno del Paese, ma il governo ha concesso licenze di pesca a navi europee ed uno degli obiettivi è trasformare la nazione in un porto franco per l’asse Europa-Africa-Cina-Arabia.
Uno dei settori più favorevoli per investire in Guinea Bissau è quello delle risorse minerarie. I giacimenti di fosfati, bauxite e petrolio sono considerevoli, ma per il loro sfruttamento è necessario il denaro che può entrare nel Paese mediante la firma di contratti per investire in Guinea Bissau. Altre opportunità di business per cui vale la pena investire in Guinea Bissau riguardano la costruzione ed i servizi, la produzione e la distribuzione di energia ed il turismo.
A chi pensa di investire in Guinea Bissau, nel 2015, gli specialisti in economia suggeriscono di analizzare in maniera approfondita il panorama politico del Paese. Infatti, anche se è visibile il processo di apertura dell’economia del Paese, in realtà la crisi mondiale, assieme alla scarsità delle infrastrutture ed alla corruzione interna, rappresentano un freno importante quando si deve decidere se investire in Guinea Bissau.
Un elemento chiave, se si vuole investire in Guinea Bissau, è comprendere il sistema fiscale in uso in questo Paese. Lì vivono solo 1,6 milioni di persone che parlano il portoghese, soprattutto a Bissau, la capitale. Gli specialisti considerano che le tasse in questa nazione sono simili a quelle degli altri Paesi della regione ed il fisco stabilisce tipologie di imposte dirette ed indirette. Le tasse più consistenti sono quelle imposte alle società, pero gli investitori stranieri sono agevolati da incentivi che arrivano fino a 0 anni di esonerazione fiscale ed esonerazione totale sulle importazioni di macchinari.
La creazione di una zona franca è uno dei progetti più grandi per coloro che decidono di investire in Guinea Bissau: il totale del programma supera infatti i 3 mila milioni di dollari. L’obiettivo è costruire in questa zona un aeroporto, vari hotel ed un parco imprenditoriale e commerciale.
La stabilità politica è un elemento che gli imprenditori tengono molto in considerazione prima di investire in Guinea Bissau. I 27 Paesi che compongono l’Unione Europea hanno sempre difeso la legalità ed il rispetto della Costituzione della Guinea Bissau, ma hanno anche insistito sul fatto che è imprescindibile che il Paese proietti un’immagine migliore di sè all’estero, per incoraggiare i soci ed i principali donanti ad investire in Guinea Bissau.
 
Dati generali del Paese:
Capitale: Bissau
Città più popolata: Bissau
Lingue ufficiali: portoghese
Forma di governo: repubblica semipresidenziale
Superficie totale: 36 120 km²
Frontiere: 724 km
Coste: 350 km
Moneta: Franco CFA dell’Africa Occidentale (XOF)
Dominio internet: .gw
Prefisso telefonico internazionale:+245
S
U
P
P
O
R
T
O