FIHAV 2014 dedicata agli investimenti stranieri a Cuba

pic FIHAV 2014 dedicata agli investimenti stranieri a CubaLa Fiera Internazionale dell'Avana (FIHAV 2014), che aprirà le sue porte immaginarie dal 2 all'8 novembre prossimo, presso il quartiere fieristico Expocuba, terrà come tema centrale gli investimenti esteri a Cuba e la “Zona Especial de Desarrollo Mariel” (ZEDM ) per favorire l’ avanzamento della nuova politica economica e del suo quadro normativo.
Nel corso della riunione del Consiglio dei Ministri di Sabato 25 ottobre presieduta dal presidente cubano Raul Castro, è stato segnalato che il portfolio in materia di investimenti stranieri a Cuba, ha 246 progetti da sviluppare con capitale straniero per un importo di 8.710 milioni di dollari, e copre settori chiave come l'agroalimentare, l'edilizia, le industrie farmaceutiche e biotecnologiche, le energie rinnovabili, tra gli altri, e che i progetti si trovano tutte le province e nel comune speciale di Isla de la Juventud.
Il comparto in materia di investimenti stranieri a Cuba è ampio e diversificato, e l'incorporazione di progetti che contano su studi di fattibilità e direttive di negoziati, accelererà la realizzazione delle attività, molti di essi si ventila in FIHAV 2014.
L'Assemblea ha inoltre introdotto la politica globale della proprietà industriale, che è stata approvata dal Consiglio dei Ministri, basata principalmente sulla implementazione della Direttiva 228 della Politica Economica e Sociale del Partito e della Rivoluzione, nella quale si esprime la necessità di "rafforzare le capacità di prospezione e il controllo tecnologico, e la politica di tutela della proprietà industriale a Cuba e nei principali mercati internazionali."
Con l'aggiornamento del modello economico cubano, la proprietà industriale acquisisce una nuova dimensione e una maggiore importanza come strumento di gestione per l'esportazione, la sostituzione delle importazioni, gli investimenti, in particolare investimenti stranieri a Cuba e dello sviluppo scientifico e tecnologico, sia per le organizzazioni statali che per le forme di gestione non statali. 
S
U
P
P
O
R
T
O