Lanceranno una rete globale per lo scambio di informazioni fiscali

Vota questo articolo
(0 Voti)

standard reportUna vasta rete di scambio di informazioni fiscali, composta da 3200 trattati firmati da oltre 120 paesi, inizierà a funzionare pienamente da settembre, con l'obiettivo di aumentare la pressione sul mondo offshore.

Questa rete nasce come risultato del Rapporto Standard Comune, meglio conosciuto come scambio automatico d’informazioni, un accordo tra le diverse autorità fiscali nazionali per comunicare alle controparti i conti bancari offshore e gli investimenti effettuati da cittadini di altre nazionalità. L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) è responsabile della gestione della relazione standard comune ed è anche quella che pubblica l'elenco di tutti i paesi partecipanti alla rete, nonché gli accordi esistenti tra le nazioni.

L'argomentazione utilizzata dall'OCSE per la creazione della rete è che quando il mondo si è globalizzato e le attività al di fuori dei confini diventano una norma, le amministrazioni fiscali devono collaborare per garantire che i contribuenti paghino la quantità esatta di tasse, nella giurisdizione corretta. "Un aspetto chiave per preparare le amministrazioni fiscali nel 21° secolo è dotarli di strumenti legali, amministrativi e di nuove tecnologie per verificare la conformità dei contribuenti", ha spiegato l'OCSE.

I principali istigatori di questa rete sono stati i paesi con le aliquote più elevate, come il Regno Unito, che prevede di raccogliere altri 3,2 miliardi di sterline da 50.000 contribuenti britannici che utilizzano schemi offshore, a partire da informazioni ricevute dai paesi in cui gli inglesi hanno effettuato investimenti. Attualmente, il Regno Unito ha firmato 64 accordi di scambio di dati fiscali. Attraverso la rete, ogni membro delle autorità fiscali della rete riceverà informazioni su conti bancari e investimenti fatti dai suoi cittadini nelle banche di Abu Dhabi o Dubai, solo per citare due esempi.

L'autorità fiscale britannica (HMRC) ha aperto, nell'ultimo anno, quasi 900 indagini a residenti britannici che hanno beni in paesi a bassa tassazione, alcuni dei quali ancora riconosciuti come paradisi fiscali. Questa quantità significativa di file analizzati rappresenta il 20% in più rispetto agli anni precedenti e fa parte dell'offensiva dell'HMRC per ridurre quella che considerano "evasione fiscale". Tuttavia, il governo di Theresa May vuole che il numero di indagini per l'evasione continui ad aumentare. Secondo gli esperti, questa crescita della ricerca è in gran parte dovuta al fatto che il Regno Unito ha aderito al Common Standard Report.

Un altro motivo per prendere immediatamente la residenza fiscale a Panama e pagare zero tasse.

Contattaci

Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo nome Email
Please let us know your message.
È necessario convalidare

S
U
P
P
O
R
T
O