Conti personali e corporativi in una banca straniera

Vota questo articolo
(0 Voti)
conti personali
La possibilità di aprire un conto bancario all’estero è un’operazione  legale secondo la legislazione italiana ed europea. È fondamentale sapere  questo: bisogna applicare con cautela le norme nazionali ed internazionali.  È importante che il titolare del conto presenti la dichiarazione dei  redditi corrispondenti nel suo Paese d’origine con totale trasparenza e  quest’operazione può essere considerata completamente legittima.
I vantaggi di aprire un conto in banca all’estero possono essere numerosi,  specialmente in questo momento particolare in cui si hanno dei timori sulla  solidità del sistema finanziario italiano. Pertanto difendersi dal rischio  può essere una priorità, così come la necessità di garantire ai titolari di  conti correnti costi più bassi ed una maggiore redditività.
Tutti i cittadini di uno Stato dell’Unione Europea hanno diritto ad aprire  un conto presso una banca di un qualsiasi altro Stato membro. Ovviamente  anche il trasferimento di somme di soldi nel conto straniero è un atto  perfettamente legale, sempre che le somme trasferite, che devono essere di  provenienza legale, vengano mosse attraverso il canale bancario. Qualsiasi  trasferimento di fondi viene controllato, per evitare casi di evasione  fiscale, il terrorismo e la delinquenza organizzata o meno.
L’esistenza e la corretta gestione di un conto in banca all’estero,  indipendentemente dalla sua consistenza, implica l’obbligo di compilare il  quadro RW quando si presenta la Dichiarazione dei Redditi. La banca  straniera che apre un conto ad un cittadino dell’UE o proveniente da un  Paese che non appartiene all’UE deve comunicare allo Stato di residenza  della persona tutte le informazioni relative al conto straniero. Tutte  queste operazioni di apertura di un conto bancario all’estero, se  realizzate da un professionista in maniera adeguata, sono perfettamente  legali.
In definitiva sii può dire che l’apertura di un conto bancario all’estero è  un’attività che spesso è molto redditizia, in termini di riduzione dei  costi, di gestione e di sicurezza degli investimenti; questo sempre che ci  si affidi alla consulenza di un professionista capace di gestire tali  operazioni di apertura di un conto bancario all’estero.
La nostra impresa internazionale di avvocati offre consulenza ai clienti su  tutte le operazioni di apertura di conti bancari all’estero, a partire  dalla scelta della nazione che, per differenti ragioni (sicurezza del  Paese, accordi bancari, costi delle operazioni, tipi di interessi  applicati) può adattarsi meglio alle esigenze reali del cliente. In base  alle necessità del cliente (conti più redditizi, interessi commerciali o  familiari per un determinato Paese, trasferimento per lavoro, riduzione dei  rischi, necessità di gestire la fiducia ed altre) può essere più  conveniente aprire un conto corrente in un Paese straniero che in Italia.  L’impresa può aiutarvi a trasferire il vostro soldi all’estero, attraverso  alcune delle principali banche straniere, per far fronte alle vostre  esigenze: tutto ciò nel rispetto rigoroso della legge in materia e dopo  aver realizzato le ricerche necessarie sul lavaggio di soldi, per essere  sicuri che l’esigenza di aprire conti bancari all’estero derivi da  necessità legittime.
Lo studio può anche offrire appoggio in materia di investimenti, mediante  consulenti finanziari professionali che, in maniera completamente autonoma,  possono essere d’aiuto per le esigenze di investimento dei clienti.
S
U
P
P
O
R
T
O